Strategie opzioni binarie 60 secondi

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Strategie opzioni binarie 60 secondi

Dal giorno 1 luglio 2020 in Europa saranno vietate le opzioni binarie e le opzioni digitali. Pertanto tutte le informazioni, le strategie, e i broker indicati su questo sito web saranno rivolti solo edesclusivamente ad un pubblico non europeo o a professionisti del trading di opzioni binarie e/o digitali

Se invece sei interessato al trading online ti invito a visitare il sito web Piattaformetrading.eu

Come aprire un conto con un broker di opzioni binarie

Per aprire un conto trader con un broker di opzioni binarie ti basterà cliccare su uno dei broker presenti nella tabella qui sopra e compilare il form di registrazione con i dati esatti. Verrete quindi immediatamente contattati da un Account manager che vi presenterà la piattaforma di trading binario. I broker proposti sono tutti regolamentati ed idonei ad operare in Italia e stati selezionati in base ai prodotti e alla qualità del servizio offerto, sia in termini di piattaforma che in termini di formazione.

Guida opzioni binarie

Strategie opzioni binarie per principianti

Investimenti: 10000 euro

Quali strategie per opzioni binarie funzionano realmente?

Opzioni binarie cosa sono

Ichimoku Kinko Hyo per opzioni binarie

Un po’ di chiarezza

Cosa sono le opzioni binarie, come funzionano, come investire in borsa, come guadagnare con il trading binario, come fare soldi, quale strategia usare, come individuare il momento giusto per investire oggi, dove trovare corsi e webinar gratuiti per approfondire le nostre conoscenze nel trading online, qual è il miglior broker regolamentato ed autorizzato, sicuro ed affidabile per i trader italiani, chi ci offre un conto demo gratuito per testare le strategie apprese. Questi sono solo alcuni dei quesiti che un trader principiante si pone nel momento in cui cerca di approfondire il discorso per diventare un trader professionista, ovvero una persona in grado di vivere di trading e in questo caso particolare di trading binario.

Forum opzioni binarie

  • Andrea G su Trading opzioni binarie – strategia RSI a 60 secondi
  • Michele B su Spiegazione strategia Camelback per operazioni binarie
  • Michele B su Come applicare le Heikin Ashi alle opzioni binarie
  • antonio su Come applicare le Heikin Ashi alle opzioni binarie
  • ob60 su Come applicare le Heikin Ashi alle opzioni binarie
  • antonio su Come applicare le Heikin Ashi alle opzioni binarie
  • antonio su Come applicare le Heikin Ashi alle opzioni binarie
  • ob60 su Come applicare le Heikin Ashi alle opzioni binarie

Trucchi o strategie?

Cercare trucchi per guadagnare con le opzioni binarie è un po’ quello che fanno in molti quando si approcciano a questa tipologia di investimento. Questo devo dire che è un errore comune che deve essere evitato sin da subito. I trucchi stanno nei giochi e le opzioni binarie non sono un gioco. Va da se che quello che bisogna cercare di imparare sono le strategie e non i trucchi. Le strategie per opzioni binarie sono il cuore di questo blog ed ogni pagina in cui è esposta una strategia offre la possibilità a tutti di intervenire ed esporre i propri dubbi o mostrare i propri investimenti.

Tipologie di opzioni binarie

Alto/Basso

L’opzione binaria alto/basso è la classica opzione binaria nella quale il trader deve prevedere se alla scadenza il prezzo chiuderà al di sopra o al di sotto del prezzo di acquisto. La maggior parte delle strategie per opzioni binarie si basa su questa tipologia di trading. In questo tipo di investimento generalmente la scadenza viene scelta dal trader tra una lista di scadenze proposte dal broker tramite un menu a tendina e generalmente coincidono con l’ora, la mezz’ora, i 15 minuti o i 10 minuti. Per esempio, alle ore 12:33 è possibile aprire un operazione alto/basso a scadenza 12:40, 12:45, 12:50, 13,00 e cosi via fino a fine serata. In questo tipo di opzione la scadenza è fissata ad almeno 5 minuti e 1 secondo dall’apertura dell’operazione. Alcuni broker separano la tipologia alto/basso standard da quella a breve termine, ovvero separano le opzioni che scadono a 30 minuti, 1 ora, 2 ore, a fine giornata, delle turbo come quelle a 60 secondi.

60 secondi

L’opzione binaria a 60 secondi è la più famosa tipologia di opzioni binarie che esista. È stata la prima vera forma di investimento turbo, quella che ha permesso a tutti i trader di poter scegliere di investire a breve termine in un intervallo di tempo davvero irrisorio rispetto a qualsiasi altra forma di trading. Nelle opzioni binarie a 60 secondi il trader deve scegliere se lo strumento finanziario entro 60 secondi chiuderà al di sopra o al di sotto del prezzo di apertura dell’investimento. Diciamo che le opzioni a 60 secondi sono il nostro cavallo di battaglia visto e considerato che gran parte delle nostre strategie sono rivolte a questa tipologia di investimento.

Intervallo

L’opzione binaria intervallo è un particolare tipo di opzione non presente in tutti i broker, anzi, sono ancora pochi quelli che oggi la propongono. Qui si tratta di investire in modo binario, quindi sempre su una scelta tra due possibilità, se il prezzo alla scad
enza terminerà all’interno (dentro) o all’esterno (fuori) degli intervalli di prezzo proposti dal broker. Anche questa tipologia di investimento prevede diverse scadenze. Alcuni broker qui separano quelle boundary (intervallo) da quelle ad High Yeld Boundary (alto rendimento) che permettono di ottenere dei ritorni sull’investimento (payout) maggiori proponendo intervalli più ampi quando l’opzione scelta è fuori l’intervallo o più stretti quando l’opzione scelta è dentro l’intervallo. La nostra migliore strategia per la tipologia intervallo è attualmente la OBIF

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

STRATEGIE: COME E QUANDO APPLICARLE

Nella nostra pagina strategie opzioni binarie troverete pubblicate tutte le strategie di trading che abbiamo condiviso con voi e testato pubblicamente. In realtà questo sito è un laboratorio di strategie binarie. Ogni giorno possiamo migliorarle con accorgimenti, con modifiche sulle scadenze, sugli orari in cui conviene operare, sugli strumenti finanziari su cui fare trading. Sono le esperienze di ognuno di noi che ci permettono di migliorare il nostro modo di investire. Detto questo, c’è è però da considerare che ogni strategia si adatta ad un tipo di mercato e per applicarle non dobbiamo prenderne una a caso e decidere di applicarla indipendentemente da come si stanno comportando i mercati. Applicandole in una condizione di mercato non favorevole rischiamo di trasformare un ottima strategia che ci ha permesso di guadagnare molti soldi in una pessima strategia. Le conseguenze sono deleterie per qualsiasi trader e soprattutto per i principianti che per la prima volta si avvicinano a questa forma di investimento. Applicare una strategia che apparentemente per molti sembra essere ottima ma per se stessi non lo è, non farà altro che demoralizzarci. Così facendo arriveremo a considerare che si tratta solo di una presa in giro, di un altro modo per farci perdere soldi col risultato finale di considerare le opzioni binarie una truffa e non un modo per investire e permetterci di guadagnare attraverso i nostri investimenti online. Pertanto voglio indicare come e quando conviene applicare alcune delle nostre strategie di maggior successo.

Strategie a 60 secondi

La nostra più redditizia strategia con scadenza a 60 secondi possiamo dire che fino a qualche tempo fa è stata quella con l’indicatore RSI Wilder. In seguito tale strategia è stata superata, in termini di affidabilità, dalla strategia Heikin Ashi che ci ha fornito, e tuttora ci sta fornendo, dei risultati davvero entusiasmanti. Prima di aprire un investimento con questa strategia verificare sempre che applicandola nell’immediato passato avremmo chiuso i nostri trade in successo. Se già tali condizioni non sono state rispettate in precedenza allora è meglio aspettare momenti migliori.

Strategie a 30 secondi

Per adesso le opzioni binarie a 30 secondi sono state sospese dagli enti regolatori. Noi però in passato abbiamo sviluppato e testato qui sul blog due strategie che si sono rivelate estremamente profittevoli e sono la Angler30 e la TaG30 che ovviamente manterremo nel cassetto e saremo pronti a tirarle fuori non appena la normativa sulle opzioni binarie permetterà a i broker di poter offrire nuovamente questo prodotto turbo. Ma attenzione sebbene siano entrambe strategie con le quali investiamo a 30 secondi di scadenza, vanno applicate in condizioni di mercato estremamente differenti.

La Angler30 l’applichiamo quando ci troviamo in un mercato ad altissima volatilità e con un trend ben definito, rialzista o ribassista che sia non importa, purché molto ben definito con candele giapponesi molto lunghe e preferibilmente ombre molto piccole a dimostrazione del fatto che la direzione del mercato è unica e con pochi ripensamenti.

La TaG30 l’applichiamo in condizioni di mercato laterale e con discreta volatilità e non prossimi ad importanti notizie di mercato.

Strategie sul calendario economico

In prossimità di notizie importanti sul calendario economico possiamo utilizzare due strategie che si sono rivelate davvero formidabili e sono la OBIF e ancor più la Ladder che ci permette payout che arrivano anche al 1500%.
Ad ogni modo qui imparerai:
strategie opzioni binarie a 60 secondi
strategie opzioni binarie a 30 secondi
strategie opzioni binarie 5 minuti
strategie opzioni binarie 15 minuti
strategie opzioni binarie 30 minuti
strategie opzioni binarie 1 ora
e il bello è che non sarai solo perché il nostro blog è in realtà un “strategie opzioni binarie forum” dove puoi condividere per ogni strategia pubblicata le tue esperienze ed eventualmente chiedere aiuto o confrontarti semplicemente con chi come te sta testando quella determinata strategia. Se stavi cercando strategie opzioni binarie per principianti ricorda che tutte quelle pubblicate su questo blog, grazie all’aiuto di tutti coloro che vi partecipano potranno essere imparata in modo estremamente semplice.

Strategia Vincente per Opzioni Binarie a 60 secondi

Ho testato per qualche tempo una strategia per opzioni binarie a 60 secondi e i risultati sono molto soddisfacenti, con una percentuale positiva che arriva all’80% circa per alcuni strumenti finanziari.

In questo articolo ti spiego come e quando acquistare un’opzione put o call con scadenza a 60 secondi, tramite l’utilizzo di alcuni indicatori tecnici. La strategia ovviamente va applicata al tuo trading e testata con un conto demo per opzioni binarie, in modo da capire se può fare al caso tuo. Il segreto nel trovare la via giusta per fare il trader come lavoro è proprio quella di provare, provare e riprovare in demo come se operassi in reale!

Su quali sottostanti funziona meglio questa strategia?

I sottostanti. su cui questa strategia per opzioni binarie a 60 secondi funziona meglio, in base a quelli che ho testato, sono:

  • Eur/Usd;
  • Aud/Usd;
  • Nasdaq 100 (tra le 15:35 e le 21:45);
  • Dow Jones 30 (tra le 15:35 e le 21:45).

Ciò non toglie che questa strategia di trading binario possa funzionare su altri strumenti che non ho testato. Dopo aver letto come operare, puoi provare tu stesso su diversi sottostanti e – se ne hai voglia – puoi scrivere un commento sotto questo post nel caso avessi trovato un altro strumento su cui funziona, così può essere utile anche ad altri.

Di cosa hai bisogno per attuare questa strategia?

La prima cosa di cui necessiti, è un grafico di trading gratuito personalizzabile con alcuni indicatori tecnici. Ho già personalizzato il grafico qui sopra per te, in cui puoi cambiare sottostanti direttamente dalla casella di ricerca in alto, senza dover modificare ulteriormente le impostazioni. Il grafico è visibile solo se hai installato il plug-in gratuito Microsoft Silverlight.

In ogni caso ti spiego quali indicatori tecnici devi utilizzare, se vuoi aggiungerli ad un’altra piattaforma o grafico diverso da quello integrato nell’articolo.

Quali indicatori tecnici aggiungere al grafico?

  • Le Bande di Bollinger sul prezzo (Finestra 1) settate a 20 periodi con 2 di deviazione standard.
  • Fisher transform a 10 periodi (Finestra 2).
  • Directional Movement (+DI – DI) sul Fisher transform (Finestra 2).
  • Bande di Bollinger a 20 periodi con 2 deviazioni standard su Fisher transform (Finestra 2).

Abbiamo un grafico suddiviso in due finestre:

  • la finestra dove c’è il prezzo più le bande (F1);
  • la finestra dove ci sono tutti gli indicatori (F2).

Il grafico ovviamente deve essere a time frame 1 minuto e puoi visualizzarlo a barre OHLC oppure a candele. Io preferisco le barre per una questione di abitudine. Ogni barra o candela equivale quindi ad un minuto. Qui c’è una breve spiegazione di come leggere un grafico a barre o a candele.

Cosa dobbiamo cercare sul grafico?

Ora il grafico è pronto per offrirci le indicazioni che ci servono per fare trading binario a 60 secondi. Dobbiamo dunque attendere che accadano le seguenti condizioni contemporaneamente:

  • nella finestra 1 (F1) il prezzo deve toccare una delle bande di Bollinger o meglio uscire fuori dal canale;
  • nella finestra 2 (F2) le linee rossa e verde dell’indicatore Directional Movement (+DI – DI) devono toccare o uscire fuori dalle bande di Bollinger;
  • la linea blu dell’indicatore Fisher transformer deve preferibilmente essere centrata o comunque trovarsi tra le altre due dell’indicatore Directional Movement (+DI -DI).

Quando è il momento di acquistare un’opzione CALL?

Se, alle condizioni suddette, la linea rossa si trova al di sopra della linea blu e della verde (F2), bisogna trovare sul grafico del prezzo (F1) il momento giusto per acquistare un’opzione CALL o ALTO a 60 secondi.

L’occasione arriva quando si forma completamente una barra fino alla chiusura e il prezzo ne rompe il massimo con la barra che la segue. Se ciò non avviene, bisogna attendere una rottura successiva, sempre che ne sussistano ancora le condizioni.

Quando acquistare un’opzione PUT?

Viceversa, se la linea verde si trova al di sopra della linea blu e della rossa (F2), bisogna trovare sul grafico del prezzo (F1) il momento giusto per acquistare un’opzione PUT o BASSO a 60 secondi.

L’occasione arriva quando si forma completamente una barra fino alla chiusura e il prezzo ne rompe il minimo con la barra che la segue. Se ciò non avviene, bisogna attendere una rottura successiva, sempre che ne sussistano ancora le condizioni.

In entrambi i casi, migliori saranno le performance quando il prezzo si poggia sul livello di chiusura del giorno precedente, che nel grafico è rappresentata dalla linea orizzontale gialla.

Il mio consiglio personale, per ogni strategia, è quello di evitare il trading eccessivo :

  • fai poche operazioni al giorno;
  • fermati ad un target di guadagno o numero di trade vincenti prefissati da un piano di trading;
  • fermati ad un target di perdita o numero di trade perdenti prefissati da un piano di trading;
  • fermati ad un target di trade vincenti e perdenti prefissati da un piano di trading.

Per quale motivo ti dico questo? Semplicemente perché…

Cliccando sul link precedente puoi vedere un video pratico su questa strategia vincente per opzioni binarie a 60 secondi. Intanto tu assicurati di provarla per qualche tempo con un conto demo binario per capirne meglio il funzionamento, scegliendo il miglior broker opzioni binarie.

L’Unico Broker Binario Attendibile: ✔ Dukascopy

Strategie opzioni binarie 60 secondi

Le strategie opzioni binarie 60 secondi sono certamente tra le più convenienti in termini di profitti, non ci sono trucchi. Investendo su questo tipo di opzioni binarie, infatti, è possibile guadagnare fino al 75% del capitale investito; un profitto che può essere raggiunto in soli 60 secondi, il che colloca questo investimento tra le opzioni binarie più remunerative.

D’altro canto gestire il trading con le strategie opzioni binarie 60 secondi per alcuni può essere più complesso rispetto alla gestione di altre scadenze, perché il mercato risulta essere molto più volatile ed in alcuni casi, poco prevedibile. Fortunatamente però, possiamo utilizzare differenti strategie di trading per le opzioni binarie 60 secondi, che ci aiutano a gestire al meglio il fattore rischio. Inoltre, come vedremo anche in seguito, possiamo applicare le strategie opzioni binarie 60 secondi con l‘indicatore MACD o anche con l’RSI, oltre che con le utilizzatissime Medie Mobili.

Molti trader amano fare trading binario con le opzioni binarie 60 secondi. Questo è uno stile di trading molto veloce dato che consente di conoscere il risultato dell’operazione dopo solo 60 secondi! Ricordiamo che le opzioni binarie sono disponibili solo per i trader professionisti e non per i trader retail per la nuova normativa dell’ESMA.

Pattern Trading opzioni binarie 60 secondi

Supporti e resistenze

La prima strategia che sottoponiamo alla vostra attenzione si basa sui supporti e sulle resistenze, applicata all’investimento in opzioni binarie 60 secondi.

Per chi non sapesse di che cosa stiamo parlando, possiamo dire (brevemente) che i supporti e le resistenze equivalgono ad importanti livelli di prezzo . Più volte il prezzo ha raggiunto questi livelli senza andare oltre (che in gergo sarebbe il cosiddetto “breakout”), più tali supporti e resistenze possono essere considerati affidabili.

  • Per resistenza, si intende un livello intorno a cui il prezzo ha fermato il suo rialzo. Se per esempio il prezzo di un’ azione vale €40, poi entra in una fase di rialzo, ma si ferma a €43 e dopo riscende verso il basso, allora il valore €43 è considerato un livello di resistenza. Ciò perché i prezzi hanno raggiunto un nuovo massimo (43), ma la forza del trend rialzista non è stata sufficiente a spingere il prezzo oltre.
  • Per supporto, si intende un livello intorno a cui il prezzo ha fermato il suo ribasso. Se per esempio il prezzo di un’ azione vale €36, poi entra in una fase di ribasso, ma si ferma a €32 e dopo torna a salire verso l’alto, allora il valore €32 è considerato un livello di supporto. Ciò perché i prezzi hanno raggiunto un nuovo minimo (32), ma la forza del trend ribassista non è stata sufficiente a spingere il prezzo ancora più giù.

Per comprendere meglio il concetto di supporto e resistenza, vi consigliamo di leggere il nostro articolo relativo proprio all’utilizzo di supporti e resistenze.

Tornando alla nostra strategia per opzioni binarie 60 secondi: dobbiamo prima di tutto impostare il timeframe del grafico in M1. In questo modo i periodi presi in considerazioni (ovvero le candele sul grafico) avranno la durata di 1 minuto. Una volta fatto ciò, passiamo a tracciare i supporti e le resistenze.

Come potete ben vedere dal grafico abbiamo individuato una resistenza che ha impedito più volte al prezzo di superare tale livello. Ricordiamo che una resistenza, per essere disegnata sul grafico, deve prendere in considerazione almeno due massimi; viceversa, un supporto, per essere disegnato sul grafico, deve prendere in considerazione almeno due minimi.

Come potete vedere chiaramente dal grafico, ogni volta che il prezzo raggiungeva e toccava la resistenza, “rimbalzava” contro la resistenza, e poi tornava a scendere verso il basso. In casi del genere è bene investire con una opzione binaria 60 secondi Put (spesso chiamata anche “Basso” o “Low”): si aspetta che il prezzo tocchi la resistenza, e che la nuova candela apra al di sotto della resistenza, poi si investe sull’ opzione binaria put .

Aspettare l’apertura della nuova candela può darci una maggiore sicurezza sull’esito della nostra operazione: infatti, è possibile che il prezzo anziché rimbalzare contro la resistenza, prosegua il suo rialzo, superando la resistenza. In un caso del genere, bisogna investire con le opzioni binarie 60 secondi call (spesso chiamate anche “Alto” o “High”). Una volta che il prezzo riesce a superare la resistenza è molto probabile che torni al di sotto (se il trend rialzista non è forte a sufficienza).

Lo stesso discorso si può fare per i livelli di supporto. Solamente che in questo caso, dovremmo agire al contrario. Se i prezzi toccano un livello di supporto, si deve investire (aspettando l’apertura della candela successiva) utilizzando le opzioni binarie Call , perché il prezzo (teoricamente) dovrebbe rimbalzare sul supporto e tornare a salire. Se invece il prezzo continua a scendere, significa che il supporto è stato rotto: in casi del genere bisogna investire sulle opzioni binarie 60 secondi put .

Clicca qui per approfondimenti su strategie opzioni binarie supporti e resistenze >>

Opzioni binarie 60 secondi trend line: come disegnare una linea di tendenza

Saper individuare un trend in un grafico finanziario è uno dei passi fondamentali che ogni trader deve compiere: per ottenere guadagni considerevoli è sempre bene seguire il trend in corso; investire contro trend infatti, può portare ad avere serie perdite, specialmente con le opzioni binarie 60 secondi.

Per trend si intende l’andamento dei prezzi di un certo asset ( azioni , indici azionari, coppie di valute, materie prima). Esistono solamente tre tipi di trend:

  • Trend rialzista: i prezzi aumentano, registrando massimi e minimi crescenti.
  • Trend ribassista: i prezzi diminuiscono, registrando massimi e minimi decrescenti.
  • Trend laterale: i prezzi si muovono all’interno di uno specifico range di prezzi , senza trovarsi in un trend rialzista o un trend ribassista.

Come possiamo vedere dal grafico qui sopra, per riconoscere ed individuare un trend su grafico, c’è bisogno di disegnare le cosiddette “trendline“. Per disegnare una trend line è bene utilizzare come minimo sempre due massimi oppure due minimi: maggiori saranno i massimi o minimi utilizzati, più stabile e affidabile sarà il trend in corso.

  • In un trend rialzista (uptrend sul grafico), la trendline va disegnata sempre al di sotto dell’andamento dei prezzi .
  • In un trend ribassista (downtrend sul grafico), la trendline va invece disegnata sempre al di sopra dell’andamento dei prezzi .
  • Nel caso di un trend laterale (no trend sul grafico), la trendline deve essere disegnata sia al di sotto che al di sopra dell’andamento dei prezzi (creando un vero e proprio range in cui i prezzi si muoveranno).

Tramite le trendline possiamo così capire in che trend si trovano i prezzi : se si tratta di un trend rialzista, vuol dire che conviene investire con opzioni binarie 60 secondi call , perché la direzione generale (o tendenza) dei prezzi è quella di salire; viceversa, in caso di trend ribassista conviene investire con opzioni binarie 60 secondi put , perché la direzione generale (o tendenza) dei prezzi è quella di scendere.

Se invece ci troviamo in un trend laterale, possiamo investire ogni qualvolta che i prezzi toccano la trend line inferiore oppure la trend line superiore. Se i prezzi toccano la trendline inferiore, ci si aspetta un rialzo, quindi bisognerà scegliere l’ opzione binarie 60 secondi Call . Se i prezzi toccano la trend line superiore, ci si aspetta un ribasso, quindi bisognerà scegliere l’ opzione binaria 60 secondi Put . Ciò perché i prezzi tendono a “rimbalzare” tra la trend line superiore e quella inferiore quando si trovano in un trend laterale.

Considerando l’alta volatilità e imprevidibilità dei movimenti dei prezzi con un timeframe di soli 60 secondi, è bene disegnare le trendline sfruttando un grafico con timeframe pari a 5 minuti. In tal modo, si riesce ad avere una visione più ampia dei movimenti del prezzo . Perciò, tenete aperto in una pagina un grafico con timeframe a 5 minuti su cui disegnare le tendenze ed in un’altra pagina un grafico con timeframe a 1 Minuto per poter prendere le vostre decisioni di investimento ( opzione call o put ).

Come per ogni cosa, consigliamo di sperimentare la strategia prima con il conto demo offerto dai migliori broker opzioni binarie per fare pratica e prenderci la mano prima di investire con soldi reali.

Opzioni binarie 60 secondi e RSI

Con quest’altra strategia di trading per opzioni binarie 60 secondi, andremo ad utilizzare l’oscillatore RSI. Tramite questo strumento dell’ analisi tecnica è possibile riconoscere le fasi di ipercomprato ed ipervenduto. Più precisamente:

  • Fase Ipercomprato: Ci troviamo in una fase di ipercomprato quando il valore dell’oscillatore RSI si trova al di sopra del 70. Una fase di ipercomprato avviene quando un numero sempre maggiore di investitori compra un determinato asset, facendo salire il prezzo oltre i suoi valori normali. Quando i prezzi si trovano in una fase di ipercomprato, significa che si trovano alla fine di un trend rialzista e presto inizieranno a scendere.
  • Fase Ipervenduto: Ci troviamo in una fase di ipervenduto quando il valore dell’oscillatore RSI si trova al di sotto del 30. Una fase di ipervenduto avviene quando un numero sempre maggiore di investitori vende un determinato asset, facendo scendere il prezzo al di sotto dei suoi valori normali. Quando i prezzi si trovano in una fase di ipervenduto, significa che si trovano alla fine di un trend ribassista e presto torneranno a salire.

Come potete vedere dal grafico qui sopra, le linee del valore 70 e 30 per l’RSI sono disegnate al di sotto del grafico dei prezzi ; la linea che oscilla tra le due linee è l’oscillatore RSI. Quando l’oscillatore fuoriesce dalla linea superiore, ci troviamo in una fase di ipercomprato; quando invece, l’oscillatore fuoriesce dalla linea inferiore, ci troviamo in una fase di ipervenduto.

Ricordiamo che alcuni trader preferiscono impostare i valori dell’RSI ad 80 per la linea superiore e 20 per la linea inferiore. Facendo così, si ottengono sicuramente meno segnali, ma i segnali ricevuti risultano essere ancora più affidabili.

Per sfruttare questa strategia al meglio è necessario impostare questo oscillatore sui 5 periodi e poi utilizzare il segnale di investimento che l’oscillatore ci suggerisce:

  • Acquisto opzioni binarie 60 secondi Put : si acquistano quando l’oscillatore RSI sale al di sopra del livello 70.

Per essere più precisi, dovete aspettare che l’oscillatore RSI (una volta salito oltre i 70) scenda di nuovo al di sotto della linea del 70. Infatti, quando l’RSI taglia in rialzo la linea del 70, i prezzi di solito continuano ad aumentare per un breve periodo, finché poi non iniziano a scendere. Perciò è bene aspettare la conferma dall’oscillatore RSI, che avviene quando l’RSI torna al di sotto della linea del 70: questo è il momento in cui bisognerebbe investire con una opzione binaria 60 secondi put .

Nel grafico qui sotto potete vedere proprio un esempio di segnale di acquisto di una opzione binaria Put : l’oscillatore RSI era entrato in una fase di ipercomprato, mentre i prezzi andavano a toccare il livello della resistenza. Quando l’RSI torna al di sotto del valore 70 anche i prezzi cominciano a scendere: questo è il momento migliore per investire con una opzione binaria 60 secondi put .

  • Acquisto opzioni binarie 60 secondi Call : si acquistano opzioni binarie Call quando l’RSI scende al di sotto del livello 30.

Anche in questo caso, opposto al precedente, dovete aspettare che l’oscillatore RSI (una volta dopo essere sceso sotto il livello 30) risalga al di sopra del livello 30. Questo è il momento migliore per investire con una opzione binaria 60 secondi Call . Significa che il trend ribassista è terminato, i prezzi sono usciti dalla fase di ipervenduto e i trader stanno incominciando ad acquistare di nuovo (quindi ciò si tramuta in un rialzo sul grafico dei prezzi ).

Nel grafico qui sotto potete vedere un esempio di un segnale di acquisto di una opzione binaria 60 secondi Call : l’oscillatore RSI tocca il livello di 30, per poi risalire verso l’alto (proprio quando anche i prezzi ritornano ad aumentare).

Come potete vedere, l’importante è che l’oscillatore RSI raggiunga (toccando) i livelli di 30 e 70; se poi li taglia anche scendendo al di sotto o salendo al di sopra, allora il segnale di trading risulterà essere ancora più forte ed affidabile.

Trading opzioni binarie 60 secondi con le Medie Mobili

Le medie mobili sono, probabilmente, l’indicatore di trading più utilizzato dai trader di tutto il mondo: la media mobile è presente praticamente nel grafico di ogni trader professionista. È uno degli strumenti dell’ analisi tecnica più importanti, che viene utilizzato sia da solo che in combinazione con altri indicatori e oscillatori dell’ analisi tecnica .

Principalmente vengono utilizzati due tipi di medie mobili :

  • Media mobile semplice: Vengono presi i dati di un determinato periodo e ne viene calcolata la media sommandoli fra loro e dividendo per il numero totale di valori .
  • Media mobile esponenziale: L’unico lato negativo che alcuni trader criticano alla media mobile semplice, è che assegna la stessa importanza ad ogni singolo dato. Ciò significa che il dato dell’ultima sessione ha lo stesso peso e di importanza del dato della prima sessione. Per tal motivo è stata introdotta la media mobile esponenziale. Con la media mobile esponenziale viene dato un peso differente ai vari prezzi , maggiore ai più recenti e minore a quelli più vecchi, fatto che porta molti a definirla media mobile ponderata esponenziale.

Indifferentemente dalla media mobile che volete utilizzare, il loro funzionamento è lo stesso.

Come potete veder dall’esempio qui sopra, è stata utilizzata una media mobile con periodo impostato a 21 (ovvero il numero di sessioni di trading, ovvero le candele sul grafico, che vengono prese in considerazione per calcolare e disegnare la media).

Ovviamente, è possibile modificare il periodo della media mobile . Il periodo dovrebbe sempre essere adattato in base al timeframe del grafico: una media mobile con periodo 9, per esempio, va bene per un trading a breve termine (quindi con grafici con timeframe fino a 1h). Se già volete utilizzare un timeframe superiore, come 1 giorno, dovrete scegliere una media mobile con periodo impostato a 21.

Dovete sempre ricordarvi che:

  • Aumentando il periodo preso in considerazione, la media mobile perde “sensibilità”: significa che segue più lentamente il movimento dei prezzi . Ciò significa che riceverete meno segnali di trading, ma saranno sicuramente più affidabili.
  • Diminuendo il periodo preso in considerazione, la media mobile diventa molto più sensibile: significa che segue più velocemente il movimento dei prezzi . Perciò riceverete molti più segnali di trading, che rischiano però di essere non molto affidabili e quindi indurvi in errore.

La media mobile segue sempre l’andamento dei prezzi e viene disegnata sul grafico stesso:

  • In un trend ribassista, la media mobile si trova al di sopra dei prezzi , funzionando come una sorta di resistenza.
  • In un trend rialzista, la media mobile di si trova al di sotto dei prezzi , funzionando come una sorta di supporto.

Per quanto riguarda i segnali di trading per operare con le opzioni binarie 60 secondi, bisogna controllare gli incroci che avvengono tra i prezzi e la media mobile .

  • Quando i prezzi tagliano in ribasso, cioè passando da sopra a sotto, la media mobile , abbiamo un segnale ribassista. In questo caso bisogna investire con una opzione binaria 60 secondi Put .
  • Quando i prezzi taglia in rialzo, cioè passando da sotto a sopra, la media mobile , abbiamo un segnale rialzsita. In questo caso bisogna investire con una opzione binaria 60 secondi Call .

Consigli in merito alle strategie vincenti opzioni binarie 60 secondi

Queste qui sopra elencate erano alcune delle migliori strategie per opzioni binarie 60 secondi. Se volete, potete usare anche più di una strategia in contemporanea, per rafforzare l’affidabilità dei segnali di trading che riceverete.

Ricordatevi sempre che le opzioni binarie 60 secondi hanno una scadenza davvero molto breve, quindi è bene investire con cautela: se non avete mai fatto trading di opzioni binarie prima d’ora, è bene iniziare con opzioni binarie con scadenze più lunghe, poiché sono meno rischiose. Inoltre, iniziate sempre a fare trading con un account demo per testare le strategie e fare pratica: in tal modo non metterete mai a rischio il vostro capitale.

Apri il tuo conto IQ OPTION

Fai trading con le opzioni binarie 60 secondi! Utilizza le medie mobili o l’oscillatore RSI con un conto demo gratuito illimitato su un broker regolamentato come IQ OPTION (deposito minimo solo 10 $)

  • Per un confronto con le altre strategie opzioni binarie,visita la nostra sezione.
  • Puoi utilizzare la strategia 60 secondi con i seguenti broker opzioni binarieregolamentati a livello europeo.

Certamente sì, puoi applicare le strategie opzioni binarie 60 secondi con l’indicatore MACD o anche con l’RSI, oltre che con le utilizzatissime Medie Mobili.

A partire dal 2020 solo i trader professionisti possono fare trading con le opzioni binarie all’interno dello Spazio Economico Europeo (SEE), Italia inclusa. I trader retail non possono più fare trading binario.

A nostro avviso il miglior broker per opzioni binarie è IQ Option, broker europeo con sede a Cipro e regolamentato dalla CySEC.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: