Inarrestabile S&P 500 e debolezza biglietto verde

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Inarrestabile S&P 500 e debolezza biglietto verde

Dopo la chiusura in ribasso della scorsa settimana i mercati Asiatici aprono la settimana in netto recupero, in particolare il Nikkei spinto dalla debolezza dello yen ha guadagnato 2,19% punti percentuali. L’ottimismo degli investitori è stato fortemente influenzato anche dal nuovo record registrato in chiusura della scorsa settimana dall’S&P500 che ha chiuso le contrattazioni a 1,759.00$. Nonostante il dato rilasciato venerdì sulla fiducia dei consumatori negli USA sia stato tutt’altro che positivo, il risultano più basso da Dicembre 2020, gli investitori dimostrano di mantenere il loro interesse verso le equities USA.

Secondo gli analisti CNBC lo slittamento del tapering da parte della Fed darebbe ancora spazio per ulteriori rialzi dello S&P nonostante il +23% già registrato dall’inizio dell’anno. Dall’altra l’avvio del tapering comporterebbe un probabile ribasso del 10-15% sull’indice.

Resta invece sotto forte pressione il Dollar Index che dal mese di settembre vede un ribasso del 4% e si trova oramai ai minimi degli ultimi 9 mesi. Continua quindi la debolezza del biglietto verde con probabili nuovi rialzi in giornata per il cross GBP\USD verso l’area 1.6200 mentre l’EUR\USD sembra avere aperto la settimana in ritracciamento tecnico con primo supporto a 1.375 esuccessivo ad 1.367. Interessante il USD\JPY che nonostante la debolezza dello yen, vede il $ in sofferenza con supporto subito sopra il livello 97.00. Oro e Crude Oil tendenzialmente in ribasso.

Fra le notizie in uscita per la giornata di oggi ricordiamo alle 15:15 il dato sulla produzione industriale USA ed alle 16:00 quello sulle vendite immobiliari sempre USA.

Wallstreetrack

S&P 500 Earnings Growth Reuters Projections

Year-Over-Year Sectors Growth

Scroll on the image to get the standard size

Indici dei Mercati Americani- Supporti e Resistenze

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –

Performance For the year 2008

Dow is nearly ………………………………- 33.84 %
S&P 500 is nearly ……………………………- 38.49 %
Nasdaq Composite is nearly ……………….- 40.54 %
Nasdaq 100 is nearly …………………………- 41.89 %

Performance For the year 2007

Dow is nearly ………………………………+ 7.24 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 4.24 %
Nasdaq Composite is nearly ……………..+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly ……………………..+ 18.24 %

Performance For the year 2006

Dow is nearly ………………………………+ 16.29 %
S&P 500 is nearly …………………………..+ 13.62 %
Nasdaq Composite is nearly ………………+ 10.73 %
Nasdaq 100 is nearly …………………………+ 9.52 %

2008

The Market’s Closing

2008 : Dow Jones a 8.776,39 S&P 500 a 903,25 Nasdaq a 1.577,203 Nasdaq 100 a 1.211,65 Sox a 212,17

2008 Min: Dow Jones a 7.506 S&P 500 a 747 Nasdaq a 1.314 Nasdaq 100 a 1.035 Sox a 167,5

2007

The Market’s Closing

2007 : Dow Jones a 13.264,82 S&P 500 a 1.468,36 Nasdaq a 2.652,28 Nasdaq 100 a 2.085,25 Sox a 410

2007 Max: Dow Jones a 14.198 S&P 500 a 1.576 Nasdaq a 2.861 Nasdaq 100 a 2.239 Sox a 549

2006

The Market’s Closing

2006 : Nasdaq a 2.395 Il Dow Jones a 12.368 L’S&P 500 a 1.408,5 Nasdaq 100 a 1.763,50

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –

VOLATILITY INDEXES

CBOE VOLATILITY INDEX (Chicago Options:^VIX)

Index Value: 40.58

52wk Range: 15.82 – 89.53

CBOE NASDAQ VOLATILITY INDEX (Chicago Options:^VXN)

Index Value: 40.79

52wk Range: 19.75 – 86.52

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –

Currencies

Benchmark Currency Rates

2008

So far this year

Name – Last – YTD Chg %

Euro in U.S. dollars – 1.396800 – 4.42 %
U.S. dollar in euros – € 0.71590 + 4.63 %
U.S. Dollar Index 81.21000000 + 5.88 %

The U.S. dollar dropped to an all-time low

On July 15, 2008

€/$ 1.6038 dollar per euro –

– $/€ 0.6235 euro per dollar –

Dollar Index dropped to an all-time low

On March 17, 2008

– Dollar Index 70.698

2007

Currencies

Performance For the year

Name – Last – YTD Chg %

Euro in U.S. dollars 1.4615 +10.97%
U.S. dollar in euros € 0.6842 – 9.89%
U.S. Dollar Index 76.695000 -8.31%

Maximum for the year

Euro in U.S. dollars 1.4970 +13.66%
U.S. dollar in euros € 0.668 -12.02%
U.S. Dollar Index 74.48400 -10.95%

2006

Currencies

Performance For the year

Euro in U.S. dollars was at 1.3170
U.S. dollar in euros was at 0.7593
U.S. Dollar Index was at 83.6500

52wk Low Date 2008-03-17

– Closing for the week ended in December 31 – 2008 –

New York close Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Other Currencies

British pound in dollars $1.4654 $1.4656 -0.0002 -4.75% -26.33%
Dollar in British pounds £0.6824 £0.6823 0.0001 4.98% 35.75%
Dollar in yen 90.70 90.70 0.00 -5.12% -18.91%
Canadian dollar in U.S. dollars $0.821 $0.821 $0.0000 1.58% -17.34%
U.S. dollar in Canadian dollars $1.218 $1.218 $0.0000 -1.63% 20.90%

U.S.$ /Chinese Yuan

The Us dollar fell to the lowest against the Yuan at 6,7737 Yuan

On October 10, 2008

$ / Yuan = Yuan 6,7737

Max Year to Date 7.2941

2008

So far this year

Name – Last – YTD Chg %

U.S.$ /Yuan — 6,8133 — – 6.66%

China’s Yuan On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, and the most since End of Dollar Link on Bank Signal. Yuan rose on Speculation China to Cut Trade Surplus. Nuovo record storico dello Yuan sul dollaro dal 21 luglio 2005, giorno della prima rivalutazione decisa dal Governo di Pechino, dopo che nel maggio 2006 aveva gia’ rotto la soglia psicologica di 8 Yuan per 1 dollaro.

On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest close since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, Y/$ = +19.72% ($/Y = -16.47%), since the first day, after the end of a fixed exchange rate, in July 21 2005 when it roses to 8,11, and the yuan brings its gains versus dollar to the highest close, Y/$= +22.23% ( $/Y = -18.79% ), since the day before the end of a fixed exchange rate in July 20 2005 when it was linked at 8,28 per dollar (quando era a cambio fisso con il dollaro); at 8,11 per dollaro il 21 luglio 2005 lo yuan fu’ infatti rivalutato subito da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$= +2.09% ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005.

US Treasury Indexes

Name Discount/Price Change Yield

3-Month U.S. Treasury Bill 0.00 -0.05 0.00%
6-Month U.S. Treasury Bill 0.23 -0.01 0.23%
2-Year U.S. Treasury Note 100.19 -0.09 0.78%
5-Year U.S. Treasury Note 100.16 -0.13 1.46%
10-Year U.S. Treasury Note 113.19 -1.81 2.24%
30-Year U.S. Treasury Bond 136.50 -3.53 2.69%

Treasurys

New York close Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

13-week Treasury bill 0.115% 0.090% 0.025 475.00% -96.34%
5-year Treasury note yield 1.551% 1.463% 0.088 -20.22% -55.11%
10-year Treasury note yield 2.244% 2.087% 0.157 -24.11% -44.39%
30-year Treasury bond yield 2.691% 2.583% 0.108 -22.83% -39.65%

Commodities

New York close Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Gold $884.30 $870.00 $14.30 7.97% 5.53%
Copper $1.4100 $1.3205 $0.09 -14.52% -53.63%
Silver $11.2950 $10.9800 $0.32 10.41% -24.30%
Corn $4.0700 $3.9625 $0.11 16.45% -10.65%
Crude oil (NYMEX) (per barrel) $44.60 $39.03 $5.57 -18.07% -53.53%

Energy prices

New York close Wed. Tues. Chg. Month chg. YTD chg.

Crude oil (NYMEX) (per barrel) $44.60 $39.03 $5.57 -18.07% -53.53%
Heating oil (per gallon) $1.4057 $1.2880 $0.1177 -16.01% -46.94%
Natural gas (per million BTU) $5.6220 $5.8590 -$0.2370 -13.64% -24.87%
Unleaded gasoline (per gallon) $1.0082 $0.8853 $0.1229 -12.04% -59.52%

Today News – My Highlights

Source : Ansa, Wallstreetitalia, The U.S. Government, Reuters, Bloomberg and Msn Money

Benchmark Currency Rates

– €/$ 1.4735 dollar per euro –

– $/€ 0.6787 euro per dollar –

Rating alle societa’

New York, NY – January 2, 2009 –

New York, NY

The most important Records of Dollar, Yuan, Gold and Oil

The most important economic news of the previous 3 weeks

EPS $ Estimated for S&P 500

Profits Before taxes

The U.S. dollar dropped to an all-time low

On July 15, 2008

€/$ 1.6038 dollar per euro –

– $/€ 0.6235 euro per dollar –

Dollar Index dropped to an all-time low

On March 17, 2008

– Dollar Index 70.698

On July 15, 2008 – $/€ — 0.6235 ( Year to date chg – $/€ -8.87%) — €/$ — 1.6038 ( Year to date chg – €/$ +9.73%) – 2007 $/€ 0.6842 €/$ 1,4615) – 2006 $/€ 0.7593 €/$ 1,3170) –

On July 15, 2008 , the dollar dropped to 1.6038 dollar per euro or to 0.6235 euro per dollar, an all-time low since on April 22, 2008 when the dollar dropped to 1.6018 dollar per euro or to 0.6242 euro per dollar and since January 1999 when the euro debuted at $1.17 dollar per euro or 0.8547 euro per dollar – Il dollaro quando ancora l’euro non era una realtà aveva raggiunto nel 1992 i minimi ( $/€ 0.6869) (€/$ 1,4557) sul cd euro ‘sintetico’, l’ ECU, l’ allora unità di conto europea, vale a dire un valore teorico in grado di determinare i rapporti di cambio fra la futura divisa comune europea e le altre. Il record odierno è appunto storico in quanto ha superato i valori della valuta ‘sintetica’ del 1992 (the synthetic euro, a theoretical value that estimates where the currency would have traded before its inception ).

A mettere sotto pressione il biglietto verde – che va giù nei confronti di tutte le maggiori valute arrivando anche a toccare i minimi da 23 anni contro il dollaro neozelandese (a 82,08) – è la convinzione che la Federal Reserve abbasserà ancora i tassi di interesse per sostenere l’economia statunitense. L’attenzione del mercato è concentrata sull’audizione di oggi davanti al Congresso Usa del presidente della Banca centrale americana, Ben Bernanke, proprio per verificare se il board della Fed è pronto a varare un nuovo taglio del costo del denaro.

Il Fmi ha dichiarato di stimare il Dollaro al cambio (€/$) di 1.5 e’ cmq sopravvalutato di circa il 20%, anche se non tutti i membri della ricerca sono concordi. Gli alchimisti dei grafici ricordano che la prossima soglia da sfondare (€/$) è quella di 1,52 dollari. Qualora il cross non tornasse prontamente sotto 1,50, si aprirebbero spazi per una salita fino ad area 1,52-1,53. Per oggi le resistenze si collocano sui livelli psicologici 1,5050 ed 1,51. Il supporto a 1,4950 circa.

On March 17, 2008 The U.S. Dollar Index hit the new lowest since the index started in March 1973 at 70.698 ( Year to date chg -7.26%) – ( The U.S. Dollar Index was at 76.235 in the 2007 and was at 83.65 in the 2006) – On March 14, 2008 The U.S. Dollar Index hit the previous lowest at 71.701 – The U.S. Dollar Index, the New York Board of Trade’s Dollar Index measuring its value against the euro, yen, British pound, Canadian dollar, Swedish krona and Swiss franc.

Gli alchimisti dei grafici ricordano che la prossima soglia da sfondare (€/$) è quella di 1,62 dollari. Il Fmi ha dichiarato di stimare il Dollaro al cambio (€/$) di 1.55 e’ gia’ cmq sopravvalutato di circa il 20%.

CAMBI: MINIDOLLARO E EURO RECORD, 9 ANNI D’ALTALENA

Alla sua nascita il primo gennaio 1999 l’euro valeva 1,1667 dollari e tra gli alti e bassi registrati in questi 9 anni e mezzo è arrivato oggi al nuovo record storico, superando nuovamente quota 1,60 dollari.

Ecco una breve cronologia della storia della moneta unica:

– 1 gennaio 1999: al suo debutto l’euro vale 1,1667 dollari.

– 4 gennaio 1999: primo giorno di scambi sui mercati, sale subito a 1,1885.

– 2 dicembre 1999: per la prima volta in parità con la divisa americana, un euro vale un dollaro.

– 27 gennaio 2000: scende sotto la parità.

– 26 ottobre 2000: crolla al minimo storico di 82,30 cents.

– 11 settembre 2001: gli attacchi alle Twin Towers portano l’euro sull’altalena tra 0,86 e 0,91 dollari.

– 8 ottobre 2001: con l’offensiva Usa in Afghanistan l’euro si risolleva e tocca quota 92,14 centesimi.

– 1 gennaio 2002: è il primo giorno di circolazione effettiva della moneta unica, che l’indomani sale a 90 centesimi.

– 15 luglio 2002: dopo 29 mesi torna in parità col dollaro e sale fino a 1,0023.

– 20 marzo 2003: con l’attacco americano all’Iraq l’euro oscilla tra 1,05 e 1,06 dollari.

– 19 maggio 2003: va oltre la quotazione della nascita salendo a 1,17 dollari dopo che il segretario al Tesoro Usa Snow sembra favorire una politica del dollaro debole.

– 28 novembre 2003: supera quota 1,20 dollari con l’acuirsi del rischio terrorismo.

– 5 gennaio 2004: la Fed si dichiara non preoccupata per la debolezza del dollaro e l’euro sfiora quota 1,27.

– 27 maggio 2004: la galoppata dei prezzi del petrolio mette sotto pressione il dollaro e l’euro vola a 1,28.

– 10 novembre 2004: continua il declino della moneta statunitense, nuovo record dell’euro sopra quota 1,30 dollari.

– 30 dicembre 2004: Washington sta alla finestra e l’euro tocca il record resistito per quasi tre anni, a 1,3666 dollari.

– 8 luglio 2005: al termine di una lunga serie di ribassi anche dovuti alla bocciatura del progetto di Costituzione europea tocca i minimi da 13 mesi a 1,1898.

– 8 settembre 2005: gli uragani che devastano gli Usa spingono la moneta unica europea, che sale a 1,24 dollari.

– 7 novembre 2005: precipita di nuovo a 1,1776 con la guerriglia urbana nelle periferie di Parigi.

– 12 maggio 2006: al termine di una corsa durata per tutta la primavera l’euro si ferma a un passo da 1,30 dollari.

– 10 luglio 2007: tocca il nuovo record superando quota 1,37 dollari e, due giorni dopo, sfonda gli 1,38.

– 12 settembre 2007: la crisi dei mutui subprime si fa sentire: euro sopra 1,39 dollari.

– 20 settembre 2007: in scia al taglio dei tassi della Fed il dollaro precipita e l’euro supera per la prima volta nella sua storia quota 1,40 dollari.

– 31 ottobre: si avvicina a 1,45 dollari dopo il taglio dei tassi Usa.

– 14 dicembre 2007: la crisi del credito pesa sull’euro che torna sotto 1,45 dollari.

– 22 gennaio 2008: la Fed taglia a sorpresa i tassi di 75 punti base e l’euro rimonta sopra 1,46 dollari.

– 30 gennaio 2008: altro taglio di mezzo punto da parte della Fed e la moneta unica torna vicina a 1,49 dollari.

– 27 febbraio 2008: l’euro sfonda quota 1,50 sul timore che la Federal Reserve prosegua nella politica di aumento dei tassi.

– 13 marzo 2008: continua sempre più rapida la corsa dell’euro: tocca quota 1,56 contro il dollaro per la crisi del credito e il rischio liquidazione del fondo Carlyle Capital.

– 22 aprile 2008: l’euro raggiunge quota 1,6019, record storico sul dollaro, dopo che il governatore della Banca di Francia, Christian Noyer, ha ipotizzato un aumento dei tassi europei.

– 26 giugno 2008: dopo un periodo di calma, la moneta europea ritorna a ridosso dei 1,58 dollari per il prossimo annuncio della Bce di un aumento dei tassi.

– 3 luglio 2208: l’euro sfiora nuovamente quota 1,60 con il rialzo dei tassi europei, per poi ripiegare dopo l’annuncio della Bce che non vi saranno a breve altri aumenti.

– 8 luglio 2008: il presidente della Fed, Ben Bernanke, annuncia la possibile estensione fino al 2009 della linea di credito per le istituzioni finanziarie messe in difficoltà dal ‘credit crunch’ e l’euro rallenta a 1,565 dollari.

– 11 luglio 2008: riprende la corsa dell’euro verso quota 1,60 dollari per la crisi di Freddie Mac e Fannie Mae

– 15 luglio 2008: nuovo record storico a 1,6038 dollari.

U.S.$ /Chinese Yuan

The Us dollar fell to the lowest against the Yuan at 6,7737 Yuan

On October 10, 2008

$ / Yuan = Yuan 6,7737

Max Year to Date 7.2941

2008

So far this year

Name – Last – YTD Chg %

U.S.$ /Yuan — 6,8133 — – 6.66%

China’s Yuan On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, and the most since End of Dollar Link on Bank Signal. Yuan rose on Speculation China to Cut Trade Surplus. Nuovo record storico dello Yuan sul dollaro dal 21 luglio 2005, giorno della prima rivalutazione decisa dal Governo di Pechino, dopo che nel maggio 2006 aveva gia’ rotto la soglia psicologica di 8 Yuan per 1 dollaro.

On October 10, 2008 rose at 6,7737 Yuan per dollar or 0,14762 dollar per yuan, the highest close since On July 15, 2008 rose at 6,8108 Yuan per dollar or 0,14682 dollar per yuan, Y/$ = +19.72% ($/Y = -16.47%), since the first day, after the end of a fixed exchange rate, in July 21 2005 when it roses to 8,11, and the yuan brings its gains versus dollar to the highest close, Y/$= +22.23% ( $/Y = -18.79% ), since the day before the end of a fixed exchange rate in July 20 2005 when it was linked at 8,28 per dollar (quando era a cambio fisso con il dollaro); at 8,11 per dollaro il 21 luglio 2005 lo yuan fu’ infatti rivalutato subito da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$= +2.09% ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005.

A 6,8133 Yuan per dollaro dall’inizio del 2008 l’apprezzamento della moneta cinese ha raggiunto il +7,14%, era stato del +5,47% nel corso del 2007 e del +3,5% nel corso del 2006, mentre era stato del +3,9% nel corso del periodo compreso tra il 21 luglio ed il 31 dicembre del 2005.

U.S./CHINESE YUAN

2008

$/Y — 6.8133

+7.14%

The China’s yuan currency rose to 6,8133 per dollar and so the cross rate for the year had these figures: Y/$= +7.14% and the U.S. dollar has dropped against China’s yuan ( $/Y = -6.66% )

U.S./CHINESE YUAN

2007

$/Y — 7.3

+5.47%

The China’s yuan currency rose to 7,3 per dollar and so the cross rate had these figures: Y/$= +5.47% and the U.S. dollar has dropped against China’s yuan ( $/Y = -5.19% )

U.S./CHINESE YUAN

2006

$/Y — 7.7

+3.5%

This year, The China’s yuan currency rose to 7,7 per dollar and so the cross rate for the year had these figures: Y/$= +3.5% ( $/Y = -3.38% )

U.S./CHINESE YUAN

2005

$/Y — 7.97

+3.9%

From July 21 at 8,28 till December 31 at 7,97

July 21 2005 to 8,11 per dollaro lo yuan fu’ infatti rivalutato subito da 8,28 per dollaro del +2.09%, Y/$= +2.09% ( $/Y = -2.05% ), cambio fisso in vigore fino al giorno prima della sua rivalutazione, ovvero sino al 20 luglio 2005

July 20 2005 (quando era a cambio fisso con il dollaro) the day before the end of a fixed exchange rate when it was linked at 8,28 per dollar

Pechino ha compiuto alcuni passi nella liberalizzazione valutaria ma lo yuan non è ancora una moneta convertibile e la sua parità di cambio – che segue liberamente un paniere di valute – non è determinata dai mercati. Il governo cinese ha cominciato a sua volta a criticare gli effetti del dollaro debole, rimproverando agli americani di accentuare le difficoltà create alla Repubblica Popolare dal caro-petrolio e dall’inflazione mondiale dei generi alimentari.

Petrolio

WTI – Il future sul Light Crude for August delivery on the New York Mercantile Exchange ha toccato i $147.27 per barrel ( precedente record era di $145,85 per barrel )

Brent on the London Mercantile Exchange , il petrolio di riferimento per l’area Euro, for August delivery, ha toccato i $147,50 per barrel ( precedente record era di $146,34 per barrel).

July 11, 2008 – Brent on the London Mercantile Exchange , il petrolio di riferimento per l’area Euro, for August delivery, ha toccato i $147,50 per barrel ( precedente record era di $146,34 per barrel). E’ il valore piu’ alto raggiunto da quando il Brent e’ attivo il mercato dei futures (1988).

July 11, 2008 – WTI for June delivery on the New York Mercantile Exchange – Il petrolio ‘Wti’ Lo Sweet Light Crude americano (West Texas Intermediate, Cushing, in Oklahoma, dove il Wti viene immagazzinato prima di essere trasportato verso la West Coast, gia ‘ in rialzo di quasi l’80% rispetto a un anno fa) for August delivery on the New York Mercantile Exchange ha toccato i $147.27 per barrel ( precedente record era di $145,85 per barrel ) e superando financo dal record di sempre relativo al precedente shock petrolifero nel 1979/1980 ( aggiustato per l’inflazione, in real terms, stripping out inflation or inflation-adjusted, the average monthly price that U.S. refiners paid for imported crude oil, significava $103,7 a barrel). Ma Nel 1974, un altro shock aveva fatto volare le quotazioni: l’embargo dell’Opec durante la guerra del Kippur. A mettere sotto pressione le quotazioni del petrolio e’ la prospettiva di una riduzione dei livelli di produzione da parte dell’Opec. L’organizzazione dei Paesi produttori si riunira’ il prossimo 5 marzo a Vienna e – stando a quanto dichiarato nei giorni scorsi dai ministri del petrolio di Algeria e Iran – potrebbe decidere di ridurre la produzione nel secondo trimestre per via del calo della domanda che si verifica con la fine della stagione invernale nell’emisfero settentrionale

Dall’inizio dell’anno i prezzi del greggio sono saliti del 44% e arriveranno – secondo Morgan Stanley – a quota 150 dollari entro il 4 luglio, festa nazionale americana e picco della stagione vacanziera negli Usa. La banca ritiene che a causare “prezzi troppo elevati per gli Stati Uniti e l’Europa sia la robusta crescita della domanda asiatica, insieme a un’offerta stagnante”. Anche secondo il presidente della compagnia statale libica del petrolio, Shokri Ghanem, il greggio potrebbe crescere ancora e raggiungere i 140 dollari questo mese e i 150 dollari prima della fine dell’estate, sulla spinta delle speculazioni sui prezzi delle materie prime e del valore fluttuante del dollaro. “Il mercato è ben fornito, non c’é bisogno che l’Opec aumenti la produzione”, spiega Ghanem, precisando che “quello che sta facendo fluttuare il prezzo sono gli speculatori. Negli ultimi giorni hanno incassato profitti mandando i prezzi giù di 12 dollari. Ora è di nuovo in rialzo e prevedo che raggiungerà i 140 dollari prima della fine del mese”. Mentre il petrolio vola, il dollaro riprende a perdere terreno: dopo alcune settimane durante le quali i destini di greggio e dollaro sembravano separati, negli ultimi giorni il loro legame è sembrato rafforzarsi nuovamente sulla scia delle recenti affermazioni dei maggiori banchieri centrali. Se all’inizio della settimana il presidente della Fed, Ben Bernanke, si era speso a favore di un dollaro più forte aiutando la valuta statunitense a recuperare terreno, ieri è arrivata la doccia fredda del presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, che ha affossato il dollaro e ridato fiato al petrolio ipotizzando un rialzo dei tassi di interesse a luglio per Eurolandia. “Il più forte rialzo giornaliero del petrolio registrato oggi passerà alla storia come ‘volata Trichet’”, affermano ironicamente alcuni analisti, spiegando comunque che la debolezza del biglietto verde è imputabile anche all’andamento del mercato del lavoro, con la disoccupazione schizzata al 5,5% a maggio, registrando il maggior balzo mensile da oltre 20 anni

Nel corso del 2007, i prezzi del greggio hanno messo a segno un balzo del 57%. E pensare che tre anni fa, a fine 2004, il barile quotava esattamente la metà: 50 dollari al barile. A gennaio 2007 per un barile di greggio erano necessari sui 56 dollari al barile.

Gli ultimi segnali giunti dagli Stati Uniti, anche sul versante dei profitti societari, fanno pensare che “il fosco scenario di fondo sia migliorato e che il peggio sia ormai alle spalle”, spiega all’agenzia Bloomberg, John Kilduff, vice presidente di MF Global a New York secondo il quale ci sarà un aumento della domanda energetica in considerazione “delle aspettative di una ripresa economica soprattutto nella seconda parte dell’anno”. Oggi il segretario all’Energia Usa, Samuel Bodman, ha fatto sapere che Washington continuerà a comprare petrolio per ricostituire le Riserve Strategiche di Petrolio statunitensi anche se i prezzi viaggiano sopra i 100 dollari al barile. Bodman ha anche spiegato ai giornalisti che gli Stati Uniti necessitano di riserve di greggio per 90 giorni, mentre attualmente arrivano al massimo a 56. Naturalmente a giocare un ruolo determinante nell’inarrestabile ascesa dei prezzi dell’oro nero è la speculazione soprattutto da parte degli hedge Fund a caccia di guadagni sicuri in un mercato che continua a fare i conti con gli effetti del collasso dei mutui subprime. E per Alan Greenspan, l’ex presidente della Federal Reserve, a tenere sotto pressione il mercato sono entrambi i fattori, sia strutturali e sia speculativi. “La produzione del greggio è insufficiente a sostenere la crescita” delle nuove potenze economiche mondiali e “certamente ci sono delle speculazioni”, ha spiegato l’ex governatore della Banca centrale americana, il quale si è detto certo che “si avrà un’inversione di tendenza”, ma che “non si arriverà mai più ai 20 dollari a barile di 10 anni fa”. I prezzi sono dunque destinati a rimanere in tensione e degli scenari futuri discuteranno a Roma da domenica prossima i grandi paesi produttori e i principali player del settore energetico in occasione dell’Energy Forum. I ministri dell’Energia di Iran, Iraq, Arabia Saudita, Russia e Venezuela, oltre al segretario generale dell’Opec, si troveranno riuniti attorno a uno stesso tavolo per parlare di disponibilità delle risorse energetiche, del nodo degli investimenti infrastrutturali, le ricette per un futuro sostenibile, la sicurezza degli approvvigionamenti e il dialogo tra paesi produttori e paesi consumatori.

Ecco di seguito una tabella che riporta, nelle quotazioni dell’epoca, le principali soglie raggiunte dal greggio sul mercato statunitense:

1970: il prezzo ufficiale del petrolio saudita viene fissato, secondo le cifre del ministero statunitense dell’Energia, a 1,80 dollari al barile

1974: embargo dell’Opec durante la guerra del Kippur provoca il primo shock petroliero. Il prezzo del barile supera i 10 dollari

1979: la rivoluzione iraniana rappresenta il secondo shock petrolifero. Il barile vola a 20 dollari. che aggiustato per l’inflazione (in real terms, stripping out inflation or inflation-adjusted, average monthly price that U.S. refiners paid for imported crude oil) significa oltre 101 dollari a barrel

1980: la guerra Iran-Iraq spinge le quotazioni del greggio al di sopra del loro livello pre guerra a 32 dollari. Il prezzo del petrolio, in termini reali, infatti era arrivato a 103,76 dollari nell’aprile del 1980. Infatti le quotazioni record di circa 77 dollari al barile segnato dal greggio americano nell’aprile del 1980 equivale ai 103,76 dollari attuali.

1981: All’inizio del 1981 il prezzo raggiungerà i 39 dollari

1990: con la guerra nel Golfo il barile tocca e supera i 40 dollari

2001: Per capire con quale ascesa di prezzo il mondo ha dovuto confrontarsi negli ultimi anni, ricordiamo solo che dopo l’11 settembre 2001 il prezzo ribassò fino a 20 dollari.

2003: Nel 2003 il petrolio valeva i 30,7 dollari al barile (media delle quotazioni petrolifere a fine anno)

2004: Nel 2004 il petrolio valeva i 38,6 dollari al barile (media delle quotazioni petrolifere a fine anno) per raggiungere i 50 dollari al barile, pesano i timori di scarsi approvvigionamenti

2005: Vengono infrante le soglie psicologiche dei 60 e 70 dollari al barile, anche a causa dell’uragano Katrina che ha creato problemi nel Golfo del Messico

2007: anno in cui il petrolio raggiunge i 90 dollari e chiude l’anno sfiorando i 100: In settembre il barile supera gli 80 dollari. In ottobre prima infrange i 90 dollari al barile, poi si piazza fra i 94 e i 95. In novembre vola a un passo dai 100 dollari al barile, toccando il record storico a 99,29

2008 – 2 gennaio: tocca, per la prima volta nella storia, quota 100 – 20 febbraio: 100,1 dollari – 21 febbraio: tocca 101,32 dollari al barile – 26 febbraio: a 101,43 dollari al barile; il 27 febbraio tocca i $102.08; il 3 marzo 2008 tocca i $103.63; il 5 marzo 2008 tocca i $104.95; il 6 marzo 2008 tocca i $105.95; il 7 marzo 2008 tocca i $106.54; il 10 marzo 2008 tocca i $108.17; l’ 11 marzo 2008 tocca i $109.7; il 12 marzo 2008 tocca i $110.20; il 13 marzo 2008 tocca i $111.0; il 13 marzo 2008 tocca i $111.8; il 9 aprile 2008 tocca i $112.21; il 15 aprile 2008 tocca i $113.93; il 16 aprile 2008 tocca i $115.07; il 17 aprile 2008 tocca i $115.45; il 18 aprile 2008 tocca i $117.00; il 21 aprile 2008 tocca i $117.76; il 22 aprile 2008 tocca i $119.90; il 28 aprile 2008 tocca i $119.93; il 5 maggio 2008 tocca i $120.36; il 6 maggio 2008 tocca i $122.73; il 7 maggio 2008 tocca i $123.57; l’ 8 maggio 2008 tocca i $124.40; il 9 maggio 2008 tocca i $126.20; il 12 maggio 2008 tocca i $126.47; il 13 maggio 2008 tocca i $126.98; il 16 maggio 2008 tocca i $127.82; il 20 maggio 2008 tocca i $129.58; il 21 maggio 2008 tocca i $134.42; il 22 maggio 2008 tocca i $135.09; June 6, 2008 tocca i $139.12; June 16, 2008 tocca i $139.89; June 27, 2008 tocca i $142.99; June 30, 2008 tocca i $143.67; July 2, 2008 tocca i $144.15; July 3, 2008 tocca i $145.85; July 11, 2008 la volata del greggio, nuovo record storico che tocca i $147.27;

PETROLIO:MAI COSI’CARO,OLTRE LIVELLI SHOCK ANNI 70-80 –

Il petrolio sfonda anche quota 147 dollari e mette a segno il suo nuovo record storico. Superando nettamente anche i livelli toccati all’epoca dell’Austerity, negli anni ’70 e ’80. Le attuali quotazioni del greggio, infatti, non sono le più alte solo a livello nominale, ma anche in termini reali, cioé attualizzando ai corsi attuali (calcolati anche sull’andamento dell’inflazione) i picchi segnati nel periodo dei grandi shock petroliferi del secolo scorso che spinsero gli italiani alla bicicletta, in quella passata alla storia come l’epoca dell’Austerity. Infatti la quotazione record di circa 77 dollari al barile segnata dal greggio americano nell’aprile del 1980 equivale ai 103,76 dollari attuali.

Ecco di seguito una tabella che mostra – secondo gli ultimi dati disponibili – la corsa del petrolio dagli anni dei grandi shock petroliferi al nuovo massimo toccato oggi (dati relativi ai greggi dei paesi Ocse, espressi in dollari in termini nominali e reali, attualizzati cioé all’inflazione; nella tabella sono indicati anche i record):

PREZZI NOMINALI IN $ — PREZZI REALI IN $

1980 32,9 79,1 – record aprile ’80 77,0 103,7

Borsa Usa ,sempre in forza ,Giappone chiuso per festivita’ ,Ftsemib atteso a reazione dopo discesa di ieri

Borsa Usa ,sempre in forza ,Giappone chiuso per festivita’ ,Ftsemib atteso a reazione dopo discesa di ieri

La Borsa Americana ,continua il suo trend inarrestabile,dopo aver toccato i 2100 punti la settimana scorsa ,era partita una correzione che si è arrestata sul supporto posto a 2050 ,parliamo di SP500;ora siamo di nuovo sopra i 2080 ,con la possibilita’ di ritest dei 2100.Solo un ritorno sotto 2050 sarebbe negativo e propedeutico a 1990 punti chiusura gap.I principali indici azionari statunitensi hanno chiuso in rialzo. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,7%, l’S&P 500 lo 0,8% e il Nasdaq Composite lo 0,9%. Per il Nasdaq si è trattato della prima seduta positiva dopo sette ribassi consecutivi.Dopo aver avuto a lungo un andamento incerto, Wall Street si è rafforzata nel finale di seduta. Alcuni titoli erano ipervenduti. Gli investitori scommettono inoltre che la debolezza del dollaro sosterrà l’economia statunitense. Il Dollar Index, l’indice che misura il valore del biglietto verde in relazione al paniere delle altre principali valute, è sceso oggi ai minimi da gennaio del 2020.Nel settore high-tech Intel ha guadagnato l’1,1%, Microsoft l’1,5% e Alphabet lo 0,8%. Un esperto di una casa d’affari straniera dichiara che “l’Ism Usa pubblicato ha un po’ deluso le attese anche se guardando il dato piu’ nel dettaglio si nota un miglioramento della componente occupazionale e questa e’ una cosa positiva”. Comunque, gli investitori stanno aspettando il dato sui non farm payroll di aprile in agenda per venerdi’ alle 14h30, prosegue l’operatore, che si aspetta un aumento di circa 200.000 unita

Nel frattempo Borse Asiatiche sono invece in fase di debolezza ,soprattutto il Giappone ,che in queste sedute restera’ chiuso per festivita’ e riprendera’ le contrattazioni il 6 maggio.In Cina, Hong Kong perde l’1% mentre Shanghai sale dell’ 1,6% . Ha deluso l’indice Caixin sulle aspettative dei direttori degli acquisti delle aziende manifatturiere della Cina, in aprile è sceso a 49,4 da 49,8 di marzo.In Europa non c’è da essere molto allegri ,le varie Borse mostrano andamenti alterni.Anche se , Sul fronte macroeconomico sono invece arrivate buone notizie: il Pmi manifatturiero di aprile dell’Eurozona si e’ attestato a 51,7 punti, in rialzo rispetto ai 51,6 punti della lettura definitiva di marzo e leggermente superiore al consenso e al preliminare entrambi a quota 51,5. Gli analisti di JPMorgan dichiarano che “questo e’ il secondo aumento marginale dopo il calo di febbraio e si tratta quindi a nostro avviso di un messaggio incoraggiante”

Il nostro Ftemib ,tra le varie Borse Europee ,sta soffrendo l’incertezza ,ormai cronica ,del settore Bancario.Settore Bancario ,che sembrava con la costituzione del fondo “Atlante” avesse trovato la quadratura del cerchio ;invece il “no” secco alla quotazione di Popolare di Vicenza ,rimette tutto in discussione e porta il fondo stesso ad effettuare il primo e imponente intervento su una Banca.Ora bisognera’ vedere come saranno le trimestrale di questo settore se ci sara’ ancora da soffrire ,oppure se qualcosa si inizia a muovere conferendo un po’ di sicurezza ad investitori ,che attualmente sono alla finestra ,pronti ad intervenire,visti anche i prezzi interessanti.Attese Mps che presentera’i suoi conti giovedi’ prossimo,,dopo aver ceduto nella seduta di ieri il livello chiave 0,7 eu e Intesa che li presentera’ venerdi, alle prese con i 2,4 eu;oltre alla adrenalinica Unicredit che dovra’ dimostrare il 10 maggio ,che qualcosa è cambiato;oggi c’è la consegna delle azioni derivanti dal dividendo. Luxottica molto interessante post trimestrale,con appoggi a 48,28 e 48,9 due trend line per chi volesse prendere posizione sul titolo ,post triemestrale. Saras sempre sopra trend line a 1,495 eu ,accumulare su storni fino a 1,47 eu per target 1,6 e dividendo di 0,17 eu

Ftsemib ,a livello grafico ,ancora nelle possibilita’ di ripartire ,con appeal trimestrali ,dividendi,ma soprattutto il Tltro di giugno totalmente gratuito.Lo scoglio da superare è posto a 19200 punti ,soltanto un suo superamento con volumi ,innescherebbe un mini rally verso i 20500 punti ,in caso contrario bisogna monitorare eventuali discese sotto 18000 punti.Nella seduta di ieri il controvalore degli scambi è sceso a 2,15 miliardi di euro, rispetto ai 2,74 miliardi di venerdì. Su 317 titoli trattati, 184 hanno terminato la giornata con un ribasso, mentre le performance positive sono state 116. Invariate le rimanenti 17 azioni

FERRARI , Ferrari intende uscire dal settore finanziamento all’acquisto dell’auto e l’operazione realizzata oggi è il primo passo in questa direzione.”Abbiamo detto che vogliamo uscire dal settore finanziario, la mossa di oggi è il primo passo in questa direzione”, ha detto il presidente Sergio Marchionne, nella conference call con gli analisti. “Vogliamo rimuovere questo leverage dal bilancio”.Fca Bank, joint venture tra Fiat Chrysler Italy e Credit Agricole Consumer Finance, ha siglato oggi un accordo per acquisire il controllo di Ferrari Financial Services AG, gruppo Ferrari .FCA,Fiat Chrysler ha registrato in Italia 200.000 autovetture in aprile, in rialzo del 12,2% anno su anno. Complessivamente, il mese scorso, le immatricolazioni di autovetture sono state 687.000, +11,5% anno su anno. Da inizio anno il mercato segna da inizio anno un incremento del 18,6%. La performance di Fiat Chrysler è stata guidata da Jeep (+23%) e dai due marchi Lancia e Chrysler (+25%).A marzo il gruppo Fiat Chrysler ha conseguito un incremento delle vendite del 21,6%, a 56.032 veicoli. La quota di mercato della casa torinese è passata al 29,42% dal 29,08% di febbraio.

La Borsa di Tokyo è rimasta oggi ferma. In Giappone si celebra la Festa della Costituzione (Kenpo Kinenbi).La Borsa di Tokyo rimarrà ferma anche mercoledì e giovedì. Le contrattazioni nella capitale nipponica riprenderanno venerdì.

Markit ha comunicato che l’indice Caixin PMI per la Cina è sceso ad aprile, rispetto a marzo, da 49,7 a 49,4 punti. Gli economisti avevano previsto un aumento a 49,9 punti.Ricordiamo che un valore inferiore a 50 punti segnala una contrazione dell’attività manifatturiera mentre un valore superiore indica una crescita Già domenica scorsa la CFLP (China Federation of Logistics and Purchasing) aveva comunicato che il suo indice PMI relativo al settore manifatturiero cinese si è attestato ad aprile a 50,1 punti, in lieve calo dai 50,2 punti di marzo.Da notare è che mentre l’indice PMI della CFLP si concentra sulle grandi fabbriche, l’indice Caixin misura soprattutto l’attività delle imprese di piccole e medie dimensioni.

Assegnare un rischio ai titoli di Stato in pancia alle banche e/o porre un tetto al loro possesso rappresenta, secondo il governatore di Bankitalia, una riforma dai benefici incerti e dai costi consistenti.”La mia idea personale è che i potenziali benefici di una riforma sono incerti mentre i potenziali costi sono consistenti”, ha detto il governatore in occasione della conferenza “The Future of European Government Bonds Markets”.Secondo Visco, prima di effettuare ulteriori cambiamenti, sarebbe “prudente” aspettare “che il sistema finanziario si sia pienamente ripreso e adattato all’importante serie di riforme messe in campo dall’inizio della crisi”.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: