Il trend della sterlina nelle opzioni binarie mostra una crescita

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Il trend della sterlina nelle opzioni binarie mostra una crescita

La sterlina è ripartita verso l’alto dopo le notizie sull’esito negativo del referendum

Il driver dei mercati finanziari, senza dubbio lo si può individuare nel referendum per l’indipendenza della Scozia, in quanto nefasi presagi avrebbero mosso in forte crisi l stessa Unione Europea. Ma la vittoria del fronte dei no è stata vista come una salvezza anche per la forza della Sterlina.

Vediamo dunque uno spaccato dei risultati che hanno salvato il Regno Unito. La percentuale dei “no” alla secessione ammonta a circa il 55% dei votanti contro un contrario 45%, con un’affluenza record che ha toccate punte del 90%. Lo stesso primo ministro scozzese e leader degli indipendentisti Alex Salmond ha già ammesso la sconfitta.

Dunque tutti gli interrogativi che erano sorti circa la sorte di Inghilterra, Scozia e non solo, nel caso gli scozzesi avessero scelto la via della separazione, sono di fatto rimasti accantonati. In primo luogo ci si sarebbe trovati di fronte alla moneta a cui la nuova Scozia avrebbe potuto dare corso: se comunque la sterlina, ed in tal caso si sarebbe potenzialmente creata una mini-unione monetaria, che avrebbe visto la forte opposizione di Londra storicamente contraria all’adozione di una moneta unica. O se addirittura l’euro, previo ingresso nell’Unione Europea e poi nell’Eurozona spiega DailyFx. Facile infatti stimare l’evento di fuga di capitali ingenti dalla Scozia che avrebbero potuto dirigersi verso l’area euro con conseguenze che dunque avrebbero poi impattato sul valore della moneta unica in maniera significativa. Dal punto di vista del riflesso sui mercati finanziari, un quadro risk on/risk off era quello che avrebbe potuto dunque delinearsi.

Tag: sterlina

Il trend della sterlina nelle opzioni binarie mostra una crescita

La sterlina è ripartita verso l’alto dopo le notizie sull’esito negativo del referendum

di Luigi Boggi – 20 Settembre 2020

Il trading favorevole sulla sterlina britannica

La sterlina ha offerto ottimi spunti di trading in opzioni binarie

di Luigi Boggi – 16 Settembre 2020

La sterlina seguirà l’esito del referendum in Scozia

La vicenda scozzese ha influito e continuerà a farlo nel valore della sterlina britannica

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

di Luigi Boggi – 15 Settembre 2020

Perchè la sterlina ha un trend al ribasso

I venti secessionisti che spirano sempre più forti in Scozia hanno fatto perdere valore alla sterlina

di Luigi Boggi – 9 Settembre 2020

Sterlina in fase ribassista sull’analisi dei grafici

Analizzando i livelli dei prezzi sui grafici nel mercato forex, si ottengono i livelli ottimali di acquisto o vendita delle valute

di Luigi Boggi – 5 Settembre 2020

La sterlina britannica potrebbe offrire buone opportunità nel trading in opzioni binarie

La settimana passata non è stata rivelatrice dal punto di vista di movimenti significativi di mercato. Sul fronte valutario il dollaro americano ha vissuto una fase di consolidamento senza però…

di Luigi Boggi – 19 Agosto 2020

La sterlina inglese offre buone opportunità nel trading in opzioni binarie

Protagonista di oggi sarà senz’altro la sterlina. Importantissimi saranno i dati di questa mattina sul lavoro nel Regno Unito, con focus evidentemente su Tasso di Disoccupazione che è atteso ad…

di Luigi Boggi – 13 Agosto 2020

Opzioni binarie sulla sterlina, il trading sulle news

Se vogliamo seguire le linee guida tracciate per questa settimana, dobbiamo partire necessariamente dall’analisi del calendario macroeconomico ogni mattina, per cercare di capire quali possano essere i momenti di maggior…

di Luigi Boggi – 15 Luglio 2020

Pochi movimenti sulla sterlina dopo i dati macro negativi

Dati disastrosi se paragonati a quanto il mercato si attendeva, ma che a livello generale non fanno preoccupare. La produzione industriale ha fatto registrare una variazione mensile negativa dello 0.7%…

di Luigi Boggi – 10 Luglio 2020

Forex: la volatilità della sterlina

Il mercato Forex, per gli opzionaristi, è sicuramente il campo di battaglia privilegiato perché è qui che s’incontrano i principianti e gli speculatori che cercano di sbarcare il lunario puntando…

di Luigi Boggi – 29 Agosto 2020

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Le Tendenze o Trend nel trading online

Le tendenze del trading online o meglio conosciute con il termine tecnico trend, sono una delle cose più importanti da considerare; esse traggono profitto dalle tendenze Intra-day e si riferiscono alla direzione dominante che ha subito il prezzo di un bene.

Cosa significa Tendenza?

��Fai trading con fiducia su CFD, Azioni, Indici, Forex e Criptovalute. Con PLUS500 hai spread stretti, zero commissioni e APP per fare trading su qualsiasi piattaforma e smartphone. ✅ Apri il tuo conto demo gratuito >>

Una tendenza è definita in termini economici l’andamento prolungato, in crescita o in calo, sul mercato.

Il termine prolungato si riferisce ad un trend impostato su un certo numero di periodi di tempo; i principali sono i trend a breve e a lungo termine, i quali possono funzionare secondo le nostre strategie abbastanza bene anche per diversi giorni, fino ad arrivare a settimane o mesi fino anche ad un anno. In pratica è possibile prendere una posizione long quando la tendenza è al rialzo; in caso contrario è possibile attuare una posizione short quando questa tendenza segna un ribasso.

Questa direzione delle tendenze, indica semplicemente la strada con meno resistenze in assoluto. Con questo intendiamo dirvi che la tendenza con meno resistenze è la tendenza della massa. Non sempre giova a favore seguire la massa. In effetti nel sistema della borsa, sarebbe importante operare anche contro la massa; in questo caso si tratta non di controtendenza ma di tempismo.

Attenzione però a considerare questa soluzione, poiché non è una soluzione che permette facili guadagni, ma bisogna sempre ponderarla per cogliere la tendenza giusta alla nostra strategia. Quindi avremo:

  • tendenza rialzista, quando l’azione dei prezzi, proiettati sul grafico, mostrano una serie di alti e bassi con una chiusura del prezzo verso l’alto; caratteristica di questa tendenza è la presenza di massimi e minimi crescenti. Ovvero il prezzo si muove a zig-zag seguendo una retta immaginaria tendente verso l’alto e l’infinito e che si caratterizza per la sua incrinatura pari a 45º.
  • tendenza al ribasso, quando l’azione dei prezzi, riportati anche sul grafico, mostreranno una serie di alti e bassi, ma in questo caso si avrà una chiusura al ribasso. Caratteristica di questa tendenza è invece la presenza di massimi e minimi decrescenti; anche in questo caso si muove il prezzo con tendenza a zig zag seguendo una retta immaginaria e tendente verso il basso.

In base poi alla nostra strategia, se segue il trend rialzista o ribassista, si potrà ottenere un profitto quando il prezzo di un bene mostra chiaramente il movimento direzionale. Quando invece un mercato non mostra nessun segno, viene letto in termini tecnici come non-trend.

Ma come possiamo capire, quale tendenze seguire per ottenere dei profitti? Anche se può sembrare assurdo, la risposta è molto più semplice di quanto voi possiate pensare; basta seguire l’andamento del prezzo. Se un prezzo è in una netta fase di salita sarà in UP, in caso contrario, sarà in discesa e quindi DOWN! Molto semplice e facile! Attenzione però perché questo non è sinonimo di profitto!

Perché i Trend sono importanti?

La chiave fondamentale, per comprendere i trend è la loro persistenza; con questo intendiamo dire che se il prezzo di un bene segue una tendenza al rialzo, le probabilità che esso continui ad andare verso l’alto saranno maggiori rispetto ad un’inversione di tendenza.

Questo concetto può essere meglio compreso con questo banale esempio.

Prendiamo ad esempio la stagione estiva, dal periodo compreso tra il 21 giugno e il 21 settembre.

In questo periodo le probabilità che si verifichi un giorno di sole, che si sussegue ad altri giorni di sole (tendenza rialzista), saranno maggiori, rispetto ad una previsione di pioggia. Questo non vieta che ci sia un giorno di pioggia, (nel nostro caso una tendenza ribassista), ma nel lungo periodo, formato da 3 mesi, (quindi una previsione a lungo termine), le giornate soleggiate continueranno.

Infine dobbiamo ricordare che le linee di tendenza risultano essere lo strumento essenziale ed efficace adatto ad una persona che fa trading online coi CFD. Questo perché consente ai trader di applicare le linee di tendenza per disegnare delle diagnosi dei modelli di mercato su dei grafici e sono preferite rispetto ad altri indicatori tecnici. I grafici sottostanti ne possono essere una prova.

Questa tecnica potrà essere rapportata a qualsiasi asset class, sia esso un titolo, una coppia di valute o addirittura una merce.

Come disegnare un trend?

Arrivati a questo punto, vediamo di capire come andare a comporre un trend su un grafico o se si vuole una linea di tendenza di un bene.

Le tendenze che maggiormente si disegnano sono:

  • linea rialzista; questa potrà essere disegnata sul grafico, come quello sottostante, semplicemente seguendo questi 3 passaggi:
    1. trovare il minimo più basso;
    2. trovare i seguenti minimi più bassi oltre a quelli identificati;
    3. tracciare una linea che va dal minimo più basso, al minimo più alto e prosegue all’infinito
  • linea ribassista; anche per questa tendenza, vi sono 3 punti da seguire:
    1. trovare il punto massimo;
    2. tracciare una linea, che colleghi il primo punto con il secondo punto di massimo;
    3. estendere la linea fino alla fine del grafico, come da esempio sottostante.

Da sottolineare la diversità delle tendenze e sopratutto la tendenze a breve termine, o anche conosciuta con il termine di micro movimenti. Questi possono essere inseriti in periodi molto brevi, a differenza di quanto noi abbiamo rappresentato sui grafici, che corrispondono a tendenze annuali, come in una tendenza più lunga identica o inversa.

Se andiamo ad effettuare l’analisi sulla base di interpretazioni grafiche, bisognerà utilizzare i dati su periodi molto brevi ovvero i grafici a minuti.

Come riconoscere una tendenza in un grafico?

Come abbiamo potuto osservare, l’analisi delle tendenze passa attraverso l’utilizzo di adeguati strumenti, quali i grafici. Essi infatti riportano i dati in tempo reale se utilizzati con gli indicatori corretti.

I migliori indicatori, utilizzati per rilevare le tendenze ricordiamo:

  • Le medie mobili;
  • L’RSI;
  • Il MACD;
  • I supporti e le resistenze.

Prima di passare avanti, teniamo a ricordarvi che:

  • se si vuole operare in maniera efficace sul trading scalping si dovrà fare attenzione a selezionare solo i grafici a breve termine, cioè quelli che variano da minimo 1 minuto ad un massimo di 5 minuti soltanto.
  • Non trascurare mai gli effetti annuncio, poiché questi derivano dall’analisi fondamentale; con questo tipo di analisi, risulta molto più facile capovolgere una tendenza in corso, senza che questa abbia raggiunto un livello di supporto o di resistenza.
  • Non trattate se non siete sicuri che la tendenza da voi rilevata sia abbastanza chiara.

Come si possono sfruttare le tendenze del trading online?

Sfruttare al massimo le tendenze non è un’azione ardua, anzi abbastanza facile e intuitiva anche da spiegare. Tenendo presente le regole sopra citate e osservando il grafico qui sotto,

possiamo notare subito, come una tendenza è sana o indebolita. Nel nostro caso si tratta di una tendenza indebolita, perché vi è un’oscillazione continua del prezzo. Non a caso abbiamo voluto rappresentare questa oscillazione. In caso contrario, invece se prendiamo un altro grafico, possiamo notare come questo, rappresenti il momento giusto per sfruttare queste caratteristiche.

Il vantaggio principale di sfruttare le tendenze con i CFD è il fatto che questi hanno la possibilità di effettuare lo stop loss.

In questo modo in caso di direzione sbagliata la perdita non sarà eccessiva, ma si fermerà dove lo decidete voi.

Con ciò intendiamo dire che i CFD ti offrono la possibilità di sfruttare una tendenza per determinare la direzione della propria operazione.

Ancora possiamo considerare le tendenze e la performance di una migliore rispetto alle altre, quando queste si riferiscono a mercati con periodi di tempo elevati; se invece ci troviamo di fronte a grafici settimanali o giornalieri, allora ci aspettiamo un approccio intra-day.

Esempio grafico di una tendenza

Se esaminiamo il grafico, possiamo notare come esso mostra un commercio sulla materia prima; in particolare abbiamo esaminato il mercato dell’oro. Nel grafico ancora possiamo rilevare 3 linee di tendenza:

  1. Linea azzurra: mostra un trend a 5 giorni.
  2. Linea verde: tendenza a 10 giorni.
  3. Linea blu scuro: tendenza a 20 giorni.

Ora, alle ore 6,00 è stato inviato un segnale Call. Nel momento in cui è stato attuato, sia la linea verde che la linea blu scuro, ovvero a 10 e 20 giorni lo attraversano.

Successivamente, il contratto Call è stato poi acquistato, dopo vari trend rialzisti, proprio in direzione della rottura ed è stato impostato con scadere alle ore 20:30.

Come si evince, il contratto è stato un contratto chiuso in-the-money.

Inversioni di tendenza: come gestirle?

L’inversione di tendenza, richiede un riconoscimento tempestivo; questo avviene tramite l’analisi dei grafici ed è possibile muovere i primi passi soltanto considerando i dati in nostro possesso. I grafici, riflettono i mercati e le loro tendenze consentendo di prevedere il potenziale andamento dei valori in questione.

Infatti sarà proprio questa la situazione da ricercare nei grafici e nelle forme che essi rappresentano. Non importa avere un determinato arco di tempo, o che esso sia limitato ad un giorno, un anno o poco più.

Genericamente possiamo intendere solo 2 rappresentazioni che indicano un’inversione di tendenza;

  1. il doppio picco o doppio fondo;
  2. Formazione della spalla-testa-spalla.

Nel primo caso avremo:

  • un andamento in crescita fino ad una determinata soglia;
  • un andamento che risale ulteriormente per un altro tratto;
  • scontro tra il valore del bene con una resistenza incrollabile, che non permette di essere superata ulteriormente.

Il secondo caso invece rappresenta la formazione spalla-testa-spalla.

In questo caso avremo un andamento che:

  • sale fino a una certa soglia;
  • poi ricade.

questo primo picco è la prima spalla, ovvero quella sinistra.

  • un ulteriore crescita superiore al primo picco;
  • raggiunge un picco più elevato;
  • un’altro ancora più elevato,

Questo compone la testa.

Infine il prezzo scende nuovamente oltre la spalla sinistra; alla risalita successiva questa non viene però superata e si crea così l’ultima parte del grafico, ovvero la seconda spalla.

Cos’è un ri-tracciamento e come utilizzarlo?

A questo punto del discorso bisogna anche andare a considerare i ri-tracciamenti.

Ma cos’è un ri-tracciamento? Il ri-tracciamento viene inteso come una parte ben definita del grafico dove il prezzo si muove per una determinata attività. Questi possono essere osservati su un qualsiasi grafico. Ancora possono meglio essere definiti come una temporanea inversione nella direzione di movimento del prezzo di uno strumento finanziario.

Spieghiamoci meglio. Il prezzo potrebbe oscillare creando dei piccoli avvallamenti per poi risalire o scendere fino anche a creare dei picchi che vanno in contrasto con il suo movimento generale, prima di riprendere il suo normale corso. Ora, quelle piccole inversioni sono chiamati ri-tracciamenti. Non si esclude la possibilità di un inversione di tendenza.

Per sfruttarlo a vostro vantaggio, questa funzione in un trend, bisogna considerare il primo ri-tracciamento, ovvero il momento in cui ritengono di aver individuato una tendenza, e quindi entrare a mercato in fase ultimata.

Linee di tendenza: cosa sono

Migliori Broker Trading Forex Cfd Regolamentati

Broker Caratteristiche Vantaggi Conto Demo
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova GratiseToro opinioni
  • Licenza: CySEC
  • Vasta scelta di CFD
  • Deposito min: 100 €
Piattaforma per professionisti – Vasta scelta di CFD Prova GratisPlus500 opinioni
  • Licenza CySEC
  • Piattaforma MT4
Centro di formazione completo di corsi ed ebook sul trading online. Prova GratisETFinance opinioni
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova GratisAvaTrade opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: