Cosa sta succedendo a Seat Pagine Gialle

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Cosa sta succedendo a Seat Pagine Gialle

Chi opera in borsa, anche soltanto attraverso le opzioni binarie, si sarà accorto che c’è un’azione legata ad una società che adesso rischia il fallimento: Seat Pagine Gialle. Non sono soltanto supposizioni visto che a parlare del problema è stata proprio l’azienda.

Quello che adesso intende fare la Seat Pagine Gialle, è trovare un accordo, tramite il concordato preventivo, in modo da garantire la continuità aziendale, riducendo l’indebitamento. Una chimera? Può darsi visto che l’azienda opera in un contesto che è cambiato rispetto al momento in cui ha stabilito il piano industriale e ha definito la ristrutturazione.

Il concordato preventivo, quindi, sembra l’unica strada praticabile. Sarà richiesto al Tribunale di Milano e, almeno per i prossimi giorni, è stato sospeso il pagamento della rata semestrale d’interessi che doveva essere corrisposta entro il 31 gennaio 2020 sui prestiti obbligazionari in essere. Il titolo, chiaramente, ha subito un tracollo in borsa e gli investitori hanno subito evidenziato le carenze strutturali dell’azienda.

Questa situazione di crisi è intimamente collegata al debito accumulato negli anni, anche in relazioni ai maxi dividendi che ha dovuto consegnare nelle mani degli investitori. Entro il 2020, Seat Pagine Gialle dovrebbe rimborsare i creditori con una cifra che si aggira intorno ai 200 milioni di lire, tanto che si parla di nuovo di default.

Seat Pagine Gialle: si procede con la ristrutturazione

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. In via esclusiva puoi accedere anche tu e provare i nostri servizi.

Articoli

Tra paura e speranza

Terna: presentato il piano di sviluppo

Nessun dividendo per Sioen

FCA: slitta il pagamento del dividendo

Diasorin: test rapido per Covid-19

Contattaci

da lunedì a venerdì, dalle 9.00 alle 13.00

Pubblicazioni

I nostri portafogli tipo

la scelta dei nostri esperti

Sei uno che si prende dei rischi, o preferisci essere prudente? Scopri i nostri portafogli tipo e che genere di investitore sei con il nostro test!

© 2020 Altroconsumo Finanza

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Attendi, stiamo caricando il contenuto

Perché usiamo i cookie? Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Per questo motivo elaboriamo dati personali come, per esempio, la cronologia della tua navigazione. Se continui a utilizzare il nostro sito, accetti i nostri cookie. Se desideri ricevere ulteriori informazioni su come usiamo questi dati, cancellare tutti o parte dei cookie, clicca qui.

L’Espresso

Crisi

Avvocati e banchieri strapagati garantivano: «I conti sono a posto». E adesso, dopo anni di cattiva gestione, la società chiede il conto ai precedenti amministratori

Si chiama “Restructuring deal of the the year”. È il premio che ogni anno la rivista londinese “IFLR”, seguitissima negli ambienti legali di mezzo mondo, attribuisce all’operazione finanziaria giudicata più brillante e innovativa.

Nel 2020 il riconoscimento è andato allo squadrone di professionisti che dodici mesi prima aveva impostato, seguito e organizzato la fusione tra Seat Pagine Gialle e la società lussemburghese Lighthouse. Tra i premiati, a suo tempo accorsi al capezzale dell’azienda italiana, c’erano nomi prestigiosi, vere e proprie multinazionali della consulenza legale come Latham & Watkins, Linklaters, Clifford Chance, Allen & Overy.

Questione di punti di vista. Ad aprile dell’anno scorso, mentre gli avvocati mettevano in bacheca le targhe ricordo, il “deal of the year” si era già trasformato in una scorciatoia verso l’inferno. Travolta dai debiti e da un decennio di guai, l’azienda delle Pagine Gialle, che è quotata in Borsa, è stata costretta a ricorrere al concordato per evitare il crac. Un concordato col botto, perché tre settimane fa, il quattro marzo, l’assemblea dei soci di Seat ha deciso di chiedere il conto del disastro agli amministratori che si sono succeduti al comando del gruppo a partire dal 2004.

La clamorosa iniziativa giudiziaria, con tanto di richiesta di risarcimento monstre, addirittura 2,4 miliardi, ha riportato alla ribalta della cronaca la triste saga delle Pagine Gialle. Tra gli altri, verranno chiamati a rispondere delle loro scelte anche manager, avvocati e cattedratici come Gian Maria Gros Pietro, Enrico Giliberti e Maurizio Dallocchio: tutti ben conosciuti nel mondo degli affari nostrano, con un curriculum ricco di incarichi al vertice di importanti società. I giudici si occuperanno di fatti che risalgono fino a un decennio fa, quando i fondi all’epoca azionisti (Bc partners, Cvc, Investitori associati, Permira) prelevarono dalle casse di Seat un superdividendo da 3,6 miliardi per far fronte ai debiti contratti per l’acquisizione del gruppo.

Storie vecchie, quelle. Ma la domanda delle domande è un’altra e rimanda a tempi molto più recenti. Com’è stato possibile che un’azienda ristrutturata e salvata a settembre del 2020 sia arrivata al capolinea del concordato nel giro di soli sei mesi? Com’è stato possibile che un gruppo di qualificati ed esperti professionisti abbia garantito la sostenibilità di un piano che, nei fatti, ha solo prolungato l’agonia della società?

Si ritorna così al famigerato “deal of the year”, cioè alla fusione tra Seat e Lightouse, che poi sarebbe il veicolo finanziario lussemburghese che anni prima aveva collocato obbligazioni per 1,3 miliardi destinate a finanziare le Pagine Gialle. A metà del 2020, con i conti in rosso e una montagna di debiti da pagare (quelli scaricati dai fondi azionisti) gli amministratori di Seat, a quel tempo presieduta dall’avvocato Giliberti, decidono di varare la fusione con Lighthouse. Ad agosto del 2020, quando va in porto la complessa operazione, i titolari delle obbligazioni emesse dalla società del Granducato diventano azionisti del gruppo italiano, che vede ridursi di 1,3 miliardi il suo debito.

A libro soci compaiono nuovi nomi. La quota di controllo passa a Anchorage, Monarch, Sothic, sigle che rimandano a fondi specializzati in investimenti ad alto rischio. Una volta trasformate le loro obbligazioni in titoli quotati in Borsa, questa pattuglia di azionisti liquida l’investimento, incassa i guadagni e abbandona la barca. Un tempismo eccezionale, perché poco dopo la scialuppa di salvataggio affonda miseramente.

Infatti, il consiglio di amministrazione insediatosi a ottobre del 2020 in rappresentanza dei nuovi azionisti, si accorge ben presto che Seat non può farcela. Gli avviamenti in bilancio vengono praticamente azzerati, con una perdita a conto economico di 1,8 miliardi, perché non più adeguati alle condizioni di mercato. A quel punto la sentenza è già scritta e a fine febbraio 2020 il neopresidente Guido de Vivo e l’amministratore delegato Vincenzo Santelia portano i libri in tribunale con la richiesta di concordato.

Che cosa è successo? Com’è che le Pagine Gialle si sono improvvisamente sgonfiate? Nemmeno un anno prima, ai tempi della fusione con Lighthouse, nessuno degli esperti al lavoro sul bilancio di Seat aveva espresso dubbi in merito al valore degli avviamenti. Sul piano industriale, tema chiave per valutare le prospettive del gruppo, si erano esercitati a vario titolo la banca d’affari Rothschild, i consulenti della Bain & co, la società di revisione Price Waterhouse. Tutti d’accordo. Secondo gli esperti l’azienda era in grado di affrontare un mercato già allora in forte calo causa recessione.

Anche Lorenzo Pozza, il docente universitario chiamato ad attestare la fattibilità del risanamento ai sensi della legge fallimentare, aveva dato il suo via libera. Anzi, ancora a giugno del 2020, cioè otto mesi prima del capolinea del concordato, Pozza scriveva che «non emergono scostamenti tali da modificare il giudizio di ragionevolezza del piano». E il collegio sindacale? Come si erano espressi i professionisti a cui per legge spetta il controllo sulle attività sociali? Enrico Cervellera, Andrea Vasapolli e Vincenzo Ciruzzi all’epoca non formularono obiezioni. Il terzetto dei sindaci, rimasti in carica anche con la nuova gestione, nei giorni scorsi è uscito allo scoperto per contestare l’azione di responsabilità promossa contro i precedenti amministratori. A metà del 2020 non c’erano «solide ragioni» per ipotizzare che il piano industriale formulato pochi mesi prima potesse rivelarsi inattendibile. Questa, in breve, la posizione dei sindaci. I quali, a conferma della correttezza del loro lavoro, citano le previsioni sull’andamento del mercato pubblicitario, formulate dall’agenzia Nielsen tra il 2020 e la metà del 2020. La fonte di questi dati, ammettono i professionisti, è la stessa Seat. Sarebbe a dire che i controllori hanno preso per buone, senza ulteriori verifiche, le informazioni fornite dai controllati.

Questione chiusa, ormai. I sindaci sono ancora in sella. E Seat si è aggrappata al salvagente del concordato. Restano agli atti le parcelle milionarie pagate ad avvocati e banchieri d’affari per la fusione con Lighthouse. Non basta, perché nel 2020 i creditori di Seat hanno ricevuto un incentivo cash per dare via libera a quello che, sulla carta, doveva essere il salvataggio del gruppo. In gergo tecnico si chiama “consent fee”. Spiccioli? Macché. Le Pagine Gialle hanno versato 25 milioni. Con tanti saluti ai piccoli azionisti, rimasti con un pugno di mosche.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: