Borsa cala Wall Street dopo i dati macroeconomici

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Cala Wall Street dopo i dati macroeconomici USA

La seduta di Wall Street di giovedì è stata in calo probabilmente a causa dei dati macroeconomici riferiti all’economia americana, che non sono stati brillanti ed hanno impensierito molti investitori che legano i loro capitali all’andamento finanziario USA.

Importante l’annuncio di un membro del Fomc che ha previsto una revisione della politica monetaria da parte della Fed. Secondo il Fomc, Ben Bernanke tornerà presto sui suoi passi e potrebbe approvare una nuova stagione di quantitative easing.

I segnali macroeconomici, infatti, non fanno sperare niente di buono. Infatti, se solo si considerano le nuove richieste di sussidi di disoccupazione, oppure il tasso d’inflazione core, oppure ancora le nuove abitazioni, è chiaro che l’economia americana non attraversa una fase brillante. La liquidità che la Fed assicura al mercato, quegli 85 miliardi di dollari al mese, sono provvidenziali.

I dati macroeconomici sul mercato americano non potevano non avere impatto sulla borsa e così il riflesso dei report su Wall Street si è fatto sentire immediatamente. L’indice Dow Jones, per esempio, ha chiuso a 15.233,22 punti, in calo di 0,28% punti. Nella stessa giornata, però, è stato aggiornato il nuovo record storico che era fissato a 15302,49 punti.

In flessione anche l’indice S&P500 che ha perso lo 0,50% e il Nasdaq Composite che ha fatto registrare una flessione dello 0,18%.

Wall Street guarda a una carrellata di dati macro

Quando manca circa un’ora alla fine della seduta di contrattazioni, Wall Street non riesce a trovare lo spunto per cambiare passo e, dopo essersi mantenuta in territorio negativo per tutta la seduta, si avvia a chiudere la giornata con lo stesso passo. Sul Dow Jones, che torna a perdere più di 120 punti, pesa in particolare il brusco calo di General Electric (-3,9%). Pesa il perdurare delle preoccupazioni sul settore tecnologico, con gli investitori che temono che le valutazioni dei colossi della Silicon Valley siano esagerate rispetto alle effettive performance.

Non aiuta il fatto che alcuni dati macroeconomici americani hanno deluso le aspettative. Sul piano politico si guarda all’incontro di oggi tra il presidente americano Donald Trump e la cancelliera tedesca Angela Merkel e a quello di domani tra Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin, a margine del G20 di Amburgo, in Germania, in calendario per domani e sabato. Nel frattempo, il Dow Jones scende di 126,41 punti, lo 0,59%, a quota 21.351,76. L’S&P 500 arretra di 18,68 punti, lo 0,77%, a quota 2.413,86. Il Nasdaq cala di 50,21 punti, lo 0,82%, a quota 6.100,65. Il petrolio si è confermato in rialzo: i contratti ad agosto al Nymex hanno acquistato lo 0,9% a 45,52 dollari al barile.

6 luglio 2020 20:52

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

MAIS – Il contratto con scadenza a settembre ha chiuso in ribasso di un centesimo e mezzo, lo 0,38%, a quota 3,90 dollari e mezzo a bushel.

FRUMENTO – Il contratto con scadenza a settembre ha finito in calo di 21 centesimi, il 3,75%, a quota 5,39 dollari a bushel.

SEMI DI SOIA – I future con scadenza a novembre hanno terminato in rialzo di 5 centesimi, lo 0,50%, a 9,99 dollari e un quarto a bushel.

OLIO DI SOIA – Il contratto con scadenza a dicembre ha ceduto 33 punti, lo 0,98%, a quota 33,38 centesimi al pound.

FARINA DI SOIA – Il contratto con scadenza a dicembre ha chiuso in rialzo di 4,10 dollari, l’1,26%, a 329,70 dollari a tonnellata.

6 luglio 2020 20:48

Il colosso giapponese della tecnologia digitale Konica Minolta ha raggiunto un accordo per rilevare l’americana Ambra Genetics, società che si occupa di soluzioni per i test genetici, nell’ambito di un accordo valutato fino a un miliardo di dollari.

Come si legge in una nota, la società asiatica punta in questo modo a fare progredire la propria strategia volta a diventare leader nel settore della medicina di precisione. Konica Minolta ha fatto sapere che la transazione è in parte finanziata dalla giapponese Innovation Network Corporation. In base ai termini dell’accordo, 800 milioni di dollari saranno versati alla chiusura dell’operazione, quindi seguiranno ulteriori pagamenti fino a 200 milioni di dollari sulla base di determinate valutazioni finanziarie nel corso dei prossimi due anni.

6 luglio 2020 20:47

Il petrolio quotato al Nymex, che durante la seduta era arrivato a guadagnare il 2,8% sulla scia del calo molto superiore alle previsioni delle scorte americane, ha ridotto successivamente i guadagni, chiudendo in territorio positivo, ma al di sotto della soglia dei 46 dollari al barile, ampiamente superata nelle ore precedenti.

Il barile ha comunque recuperato terreno rispetto ai forti cali di ieri, quando aveva lasciato sul campo più del 4%. I future del Wti ad agosto hanno chiuso in rialzo di 39 centesimi, lo 0,9%, a 45,52 dollari al barile.

6 luglio 2020 20:38

Tesla non è riuscita a ottenere la migliore valutazione per la sua berlina elettrica a cinque porte Model S in un test sulla sicurezza. La notizia, arrivata alla vigilia dell’annunciato e attesisissimo inizio della produzione della Model 3, la prima vettura per il mercato di massa del colosso americano delle auto elettriche, non è piaciuta agli investitori e il titolo è crollato a Wall Street, arrivando a cedere più del 5%.

Al momento, quando mancano due ore circa alla chiusura, Tesla brucia il 5,7% a 308,7 dollari per azione, facendo salire il rosso della settimana al 14%. Peggio ancora, il titolo è entrato in territorio orso, visto che cede più del 20% rispetto al record fissato a giugno. A penalizzare Tesla è anche il fatto che, negli ultimi due giorni, gli analisti di varie società di Wall Street, tra cui Goldman Sachs, Bernstein, KeyBanc Capital e Cowen, hanno espresso dubbi, delusione e riserve sulle consegne della società nel secondo trimestre (Tesla ha fatto sapere luned” che sono state circa 22.000, sotto le previsioni).

6 luglio 2020 20:04

Chiusura in rialzo per l’oro al Nymex, la seconda consecutiva, con gli investitori che sono tornati sugli asset considerati più sicuri, dopo alcuni dati macroeconomici poco convincenti pubblicati negli Stati Uniti. Luned” l’oro aveva terminato al minimo in quasi due mesi, salvo poi recuperare.

I future dell’oro con scadenza ad agosto sono cresciuti di 1,60 dollari, lo 0,1%, a 1.223,30 dollari l’oncia.

6 luglio 2020 19:53

Rivali da lungo tempo, Qvc e Home Shopping Network diventeranno ora un’unica società. Come si legge in un comunicato, Qvc, contorollata dalla Liberty Interactive di John Malone, rileverà il 62% di Hsn che ancora non possiede nell’ambito di una transazione completamente in azioni valutata circa 2,1 miliardi di dollari.

Gli azionisti di Hsn riceveranno 1,65 titoli di classe A di Qvc per ogni azione in loro possesso: l’offerta valuta i titoli di Hsn a 40,36 dollari ognuno, il 29% in più rispetto alla chiusura di ieri a Wall Street. Dopo la fusione, Liberty Interactive prevede di scoporare le attività via cavo in una società indipendente e cambiare il nome in Qvc Group. Le attività includeranno il sito di flash-sale Zulily, che Qvc aveva rilevato nel 2020 per 2,4 miliardi di dollari, e la divisione Cornerstone di Hsn, che include il retailer per la casa Ballard Design e altri brand.

6 luglio 2020 19:39

Alla soglia di metà giornata di contrattazioni al Chicago Board of Trade i cereali mostrano andamenti contrastati. Se mais e frumento si confermano in ribasso, anzi accelerano i cali dopo che il dipartimento all’Agricoltura americano ha rivisto al rialzo le previsioni sullo stato di avanzamento del raccolto, il settore della soia ha trovato il guizzo per virare in positivo, dopo l’aggiornamento al ribasso del rating sul raccolto.

A metà seduta mais e frumento si confermano in ribasso, con cali sempre più marcati soprattutto per quanto riguarda il frumento. In particolare, i future del mais a settembre cedono 2 centesimi e tre quarti a 3,90 dollari a bushel. I contratti del frumento a settembre arretrano di 20 centesimi e mezzo a 5,39 dollari a bushel. Andamenti in rialzo per il comparto della soia. I future dei semi con scadenza a novembre sono in rialzo di 5 centesimi e mezzo a 9,99 dollari a bushel, il contratto sulla farina con scadenza a dicembre cresce di 3,60 a 329,20 dollari a tonnellata, mentre i future dell’olio con scadenza a dicembre acquistano 16 punti a 33,55 centesimi al pound.

6 luglio 2020 19:04

Per quanto riguarda l’andamento dei titoli, Tesla accelera i ribassi e lascia sul campo il 4,4%, il doppio rispetto alla prima parte della seduta, dopo che il colosso americano delle auto elettriche non è riuscito a ottenere la migliore valutazione per la sua berlina elettrica a cinque porte Model S in un test sulla sicurezza.

Si attesta in rialzo Qvc (-0,74%), che ha raggiunto un accordo per comprare la rivale Home Shopping Network. Recuperano in qualche misura terreno i colossi tecnologici, che pure si confermano in ribasso: Facebook cede lo 0,3%, Apple lo 0,6% e Microsoft lo 0,60%. Il colosso di Redmond, nello stato di Washington, sembra avere in programma il taglio di 3.000 posti di lavoro, per lo più nelle divisioni marketing e vendite e fuori dagli Stati Uniti.

6 luglio 2020 18:55

Alla soglia di metà giornata di contrattazioni, Wall Street prosegue sulla via imboccata all’apertura e si attesta in ribasso. Il Dow Jones, che era arrivato a perdere più di cento punti, si è assestato su un calo di circa mezzo punto percentuale, mentre continua la debolezza dei tecnologici. Al di là di alcuni dati deludenti arrivati negli Stati Uniti, a preoccupare gli investitori sembra essere la prospettiva che le banche centrali mondiali rimuovano prima del previsto la politica monetaria ultra accomodante degli ultimi anni.

Sul piano politico prosegue il viaggio del presidente americano Donald Trump in Europa: dopo la Polonia, è ora ad Amburgo, in Germania, dove oggi vedrà la cancelliera tedesca Angela Merkel (non sono previste dichiarazioni al termine del bilaterale) e domani parteciperà al summit del G20, oltre a incontrare il presidente russo Vladimir Putin. Attenzione anche al mercato energetico: le scorte settimanali di petrolio americano sono calate molto più delle previsioni, cosa che ha fatto schizzare verso l’alto il Wti, arrivato a guadagnare il 2,8%, sopra i 46 dollari al barile. Nel frattempo, il Dow Jones scende di 90,06 punti, lo 0,42%, a quota 21.388,11 L’S&P 500 arretra di 12,09 punti, lo 0,50%, a quota 2.420,45. Il Nasdaq cala di 28,29 punti, lo 0,46%, a quota 6.122,57. Il petrolio si conferma in rialzo: i contratti ad agosto al Nymex salgono del 2,46% a 46,24 dollari al barile.

6 luglio 2020 18:45

Microsoft, nell’ambito di un più ampio piano di riorganizzazione, si prepara a tagliare circa 3.000 posti di lavoro, soprattutto nelle divisioni che si occupano di vendite e marketing. E’ quanto riporta l’emittente televisiva Cnbc, sottolineando che l’annuncio potrà arrivare nei prossimi giorni. Secondo le fonti sentite, i tagli, pari a meno del 10% della forza lavoro delle aree interessate, avverranno per ampia parte, ovvero per circa il 75%, fuori dagli Stati Uniti. Complessivamente, il colosso tecnologico ha circa 71.000 dipendenti negli Stati Uniti e 121.000 a livello globale.

“Microsoft sta varando cambiamenti per servire in modo migliore i clienti e i partner”, ha detto un portavoce della società a Cnbc, spiegando che il gruppo “sta compiendo i passi necessari per rendere noto ad alcuni dipendenti che le loro posizioni sono prese in considerazione o saranno eliminate”. Come tutte le società, ha detto il portavoce, “valutiamo le attività in modo regolare, questo può tradursi in un aumento degli investimenti in alcune aree e, di tanto in tanto, in una ridistribuzione in altre”. Le notizie della settimana scorsa, quando Microsoft aveva fatto sapere di volersi concentrare su come vende i servizi cloud, come Azure, secondo Cnbc avvalorano la tesi di imminenti tagli di posti di lavoro.

6 luglio 2020 18:29

La crescita americana procede ma, nonostante i progressi del mercato del lavoro, non è rapida come si vorrebbe e come era stato anticipato in passato, motivo per cui gli analisti, guardando avanti, sembrano più scettici sulle possibilità di accelerata, come promesso invece dal presidente Donald Trump. I numeri non danno loro grande conforto: i dati sul lavoro sono positivi (la disoccupazione è calata al 4,3% e, secondo le stime, il rapporto in arrivo domani confermerà questo valore), ma altri indicatori, come quelli su Pil, spese per consumi, costruzioni e vendite di auto, sono stati decisamente meno brillanti.

Come mostra un’analisi del New York Times, gli analisti stanno abbassando le stime di crescita per il secondo trimestre e per l’intero anno (nel 2020 non dovrebbe superare di molto il 2%, anche se la Casa Bianca considera possibile un molto più ottimistico 3%). “Non sembra esserci il rimbalzo che alcuni anticipavano”, quando parlavano di un possibile “Trump bump”, un balzo dovuto all’elezione di Donald Trump, ha detto Stephanie Pomboy, economista indipendente di New York.

6 luglio 2020 18:11

L’anno scorso Starbucks, la catena di caffetterie americana che nei prossimi mesi aprirà a Milano il suo primo store italiano, ha investito nella milanese Princi, catena di panetterie “boutique” che attualmente conta quattro location nel capoluogo lombardo e una a Londra. Nell’ambito dell’accordo, la società americana si era impegnata a fare sbarcare Princi negli Stati Uniti, con aperture a New York e Chicago.

Ora l’obiettivo sembra più vicino: come riportano il tabloid New York Post e Time Out New York, magazine solitamente molto attendibile per quanto riguarda eventi e aperture nella Grande Mela, Princi aprirà a Red Hook, quartiere di Brooklyn, al 160 di Van Brunt Street. Secondo le fonti sentite, i dettagli, compresi quelli sulla tempistica dell’apertura, non ancora confermata in via ufficiale, sono in fase di definizione. Inizialmente, dicono le fonti sentite, potrebbe non essere aperto al pubblico, ma fare da “base operativa” per Reserve Roastery, il marchio di alta fascia di Starbucks: se le cose andranno bene, si penserà poi a un ampliamento delle attività e quindi alla vendita diretta al pubblico.

6 luglio 2020 17:57

Il petrolio quotato al Nymex, in buon rialzo prima del dato sulle scorte settimanali americane, accelera il passo e torna sopra i 46 dollari al barile dopo il dato. Gli stock di petrolio sono calati molto più delle stime (-6,299 milioni di unità nella settimana chiusa il 30 giugno, mentre gli analisti attendevano un ribasso di 2,5 milioni di barili).

Il ribasso è stato superiore anche a quello previsto dall’American Petroleum Institute, che aveva anticipato una discesa di 5,8 milioni di barili. Subito dopo la pubblicazione del dato i contratti ad agosto si attestavano a 46,37 dollari al barile, in aumento del 2,8%, mentre in precedenza erano scambiati a 45,77 dollari (ieri il greggio aveva chiuso a 45,13 dollari al barile). Al momento il contratto ad agosto prosegue a passo veloce e guadagna il 2,7% a 46,31 dollari al barile.

6 luglio 2020 17:14

Nella settimana conclusa il 30 giugno le scorte di petrolio negli Stati Uniti sono scese di 6,299 milioni di unità a 502,914 milioni, mentre gli analisti attendevano un ribasso di 2,5 milioni, dopo la salita di 118.000 unità precedente. Secondo i dati diffusi dal dipartimento all’Energia, gli stock di benzina si sono attestati in calo di 3,669 milioni di unità a 237,303 milioni, dopo la discesa di 894.000 barili dei sette giorni precedenti e la frenata di 1,4 milioni di unità prevista.

Le scorte di distillati, che includono il combustibile da riscaldamento, sono diminuite di 1,85 milioni di unità a 150,422 milioni di barili, dopo il ribasso di 223.000 barili della settimana precedente e il calo di 100.000 unità previsto. L’utilizzo della capacità degli impianti si è attestato al 93,6%, più del 92,5% del dato precedente e più anche del 93,1% atteso.

6 luglio 2020 17:04

All’inizio della seduta di contrattazioni al Chicago Board of Trade i cereali si attestano in generale ribasso. Tra gli investitori prevale la cautela, dopo che il dipartimento all’Agricoltura americano ha rivisto le valutazioni sul raccolto. In particolare, il rating di quello di soia è stato ritoccato al ribasso rispetto alla settimana scorsa, mentre quello del mais è stato aggiustato leggermente al rialzo.

In apertura mais e frumento si attestano in ribasso, con cali vistosi soprattutto per quanto riguarda il frumento. In particolare, i future del mais a settembre cedono 7 centesimi e tre quarti a 3,84 dollari a bushel. I contratti del frumento a settembre arretrano di 19 centesimi e mezzo a 5,40 dollari a bushel. Andamenti in ribasso anche per il comparto della soia. I future dei semi con scadenza a novembre sono in calo di 4 centesimi e un quarto a 9,90 dollari a bushel, il contratto sulla farina con scadenza ad agosto arretra di 70 centesimi a 317,60 dollari a tonnellata, mentre i future dell’olio con scadenza ad agosto perdono 13 punti a 33,11 centesimi al pound.

6 luglio 2020 16:45

In giugno l’Ism servizi, l’indice che misura la performance del terziario negli Stati Uniti, è salito a passo più rapido rispetto alle previsioni. L’indice di riferimento redatto dall’Institute for Supply Management è cresciuto a 57,4 punti rispetto ai 56,9 punti di maggio (invariato rispetto alla prima stima).

Gli analisti avevano previsto un dato a 56,5 punti. Da segnalare che un valore al di sopra della soglia dei 50 punti indica una fase di espansione della congiuntura. Il dato si attesta al di sopra di tale soglia da 89 mesi di fila. Guardando alle singole componenti, quella sull’andamento aziendale è cresciuta da 60,7 a 60,8 punti, quella dell’occupazione è scesa da 57,8 a 55,8 punti, quella dei prezzi è passata da 49,2 a 52,1 punti. La componente relativa ai nuovi ordini è salita da 57,7 a 60,5 punti.

6 luglio 2020 16:06

In giugno, l’attività nel settore servizi americano ha accelerato il passo rispetto al mese precedente.

L’indice dei servizi Pmi, redatto da Markit, si è attestato a 54,2 punti, in rialzo dai 53,6 punti di fine maggio e anche dai 53 punti della stima flash di metà mese. Il dato si conferma inoltre a un livello associato a un’espansione della congiuntura, ovvero superiore a 50 punti.

6 luglio 2020 15:54

Nei primi minuti di scambi i listini si confermano in ribasso, anzi accelerando i cali, con il Dow Jones che cede lo 0,34%, il Nasdaq in ribasso dello 0,65% e lo S&P 500 in calo dello 0,43%. Per quanto riguarda i titoli, iniziano male i big tecnologici, con Apple in ribasso dello 0,7%, Microsoft dello 0,84%, Alphabet dello 0,65% e Facebook dello 0,99%. Da segnalare il ribasso di Home Depot (-0,77%), dopo che il colosso del fai da te per la casa ha raggiunto un accordo per rilevare Compact Power Equipment per 265 milioni di dollari.

Prosegue inoltre che Whole Food Markets (-0,01%) scivola a 41,95 dollari per azione, al di sotto dei 42 dollari offerti da Amazon (-0,6%) nei giorni scorsi per rilevare la catena di supermercati americana. Da segnalare anche l’avvio in ribasso di General Electric (-1,21%), dopo che gli analisti di JPMorgan hanno abbassato l’obiettivo di prezzo da 27 a 22 dollari per azione, sotto la chiusura di ieri a 27,35 dollari, citando un outlook non convincente e la mancanza di crescita potenziale. Vola in apertura Hsn (+32,9%, dopo il +26% del premercato) dopo l’accordo con Liberty Interactive, che comprerà la quota del 61,8% che ancora non possiede nell’ambito di un’operazione con un valore di impresa di 2,6 miliardi di dollari. Si attesta infine in calo Tesla (-2,16%), dopo che il colosso americano delle auto elettriche non è riuscito a ottenere la migliore valutazione per la sua berlina elettrica a cinque porte Model S in un test sulla sicurezza.

6 luglio 2020 15:41

Apertura in ribasso a Wall Street, come era stato del resto preannunciato dall’andamento dei future nel premercato, sulla scia del ribasso dei pesi massimi del comparto tecnologico. Gli investitori guardano con perplessità ai dati macroeconomici deludenti arrivati finora negli Stati Uniti (sotto le stime le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione, il dato Adp sul lavoro nel settore privato e il deficit commerciale) e attendono le ulteriori indicazioni che arriveranno a breve dal fronte dei servizi.

Mentre sul piano politico i riflettori sono puntati sul viaggio del presidente americano Donald Trump in Europa per il summit del G20 di Amburgo, oggi l’attenzione è rivolta anche al mercato energetico, con la pubblicazione dei dati sulle scorte settimanali americane. Nell’attesa, il Wti si attesta in buon aumento e si avvicina ai 46 dollari al barile. Dopo i primi minuti di scambi, il Dow Jones scende di 56,12 punti, lo 0,26%, a quota 21.422,05 L’S&P 500 arretra di 10,27 punti, lo 0,42%, a quota 2.422,27. Il Nasdaq cala di 43,59 punti, lo 0,71%, a quota 6.107,26. Il petrolio accelera: i contratti ad agosto al Nymex salgono dell’1,82% a 45,95 dollari al barile.

6 luglio 2020 15:41

Le riserve strategiche americane di petrolio (Spr, strategic petroleum reserve) sono calate al minimo in oltre 12 anni, dal momento che il boom dello shale oil riduce la necessità di accumulare scorte da utilizzare in caso di necessità improvvisa. Come ha fatto sapere il dipartimento all’Energia, le riserve sono diminuite di circa 13 milioni di barili in 17 settimane consecutive di vendite e al 30 giugno, ultimo dato disponibile, si attestavano a 682 milioni.

In gennaio e febbraio il dipartimento ha venduto quasi 17 milioni di barili di greggio, proveniente dai giacimenti in Texas e Louisiana, a varie società, compresa PetroChina, controllata dal governo cinese. Secondo gli esperti, agli Stati Uniti non occorrono riserve molto abbondanti: “Basta l’equivalente di 60 giorni di importazioni nette di greggio, da usare in caso di emergenza”, ha detto Vikas Dwivedi, analista di Macquarie Capital. Nella settimana al 23 giugno, le importazioni nette di petrolio e prodotti raffinati sono state pari a 4,23 milioni di barili al giorno, sotto il record di 14,4 milioni di novembre 2005. “Questo significa che sostanzialmente bastano 300 milioni di barili”, ha detto Dwivedi.

6 luglio 2020 15:08

All’inizio della seduta di contrattazioni a New York, i titoli di stato americani si attestano in ribasso, con i rendimenti, che si muovono in senso inverso ai prezzi, in aumento. A spingere gli investitori agli acquisti sono i dati inferiori alle previsioni pubblicati finora negli Stati Uniti (richieste iniziali di sussidi di disoccupazione, deficit commerciale e lavoro nel settore privato hanno deluso le stime).

C’è inoltre attesa per le aste di titoli di stato a breve e lunga scadenza in calendario per oggi. I rendimenti decennali, benchmark del settore, sono in rialzo al 2,375%. Questo l’andamento delle altre scadenze: Titoli a 2 anni, rendimenti in crescita all’1,414% Titoli a 5 anni, rendimenti in aumento all’1,95%. Titoli a 30 anni, rendimenti in salita al 2,893%.

6 luglio 2020 14:57

Wall Street si prepara a iniziare la seduta di contrattazioni in ribasso. Nel premercato i future dei listini sono in ribasso, con quelli del Nasdaq in calo quasi dell’1%, sulla scia del perdurare delle preoccupazioni sul settore tecnologico. Gli investitori guardano alla carrellata di dati macroeconomici in arrivo oggi negli Stati Uniti: le richieste di sussidi di disoccupazione sono salite più delle previsioni, nel settore privato sono stati creati meno posti di lavoro del previsto, mentre il deficit commerciale è calato, ma si è attestato comunque a valori superiori alle previsioni.

Nel corso della seduta arriveranno notizie sul comparto dei servizi e su quello energetico, con i numeri settimanali sulle scorte. Attenzione anche per il G20 di Amburgo, domani e sabato, al quale partecipa anche il presidente americano Donald Trump, oggi in Polonia. Prima dell’apertura, i future del Dow scendono di 60 punti, lo 0,28%; quelli dell’S&P 500 arretrano di 8,75 punti, lo 0,36%; quelli del Nasdaq scendono di 49,75 punti, lo 0,9%. Il petrolio ad agosto al Nymex sale dell’1,6% a 45,85 dollari al barile. In rialzo anche l’oro, con i contratti ad agosto in crescita dello 0,14% a 1.223,50 dollari l’oncia.

6 luglio 2020 14:45

In maggio il deficit commerciale degli Stati Uniti si è attestato in ribasso, ma fermandosi a un livello superiore alle previsioni. Sul calo ha inciso il fatto che le esportazioni sono balzate al massimo in oltre due anni. Secondo quanto reso noto dal dipartimento del Commercio, in maggio il deficit è sceso del 2,3% a 46,51 miliardi di dollari, mentre gli analisti attendevano un calo a 46,2 miliardi.

In aprile il deficit si era attestato a 47,59 miliardi di dollari (rivisto al ribasso dai 47,62 miliardi della prima stima). In maggio le esportazioni sono salite dello 0,4% a 192,03 miliardi di dollari, il massimo da aprile 2020, mentre le importazioni sono calate dello 0,1%. Nei primi cinque mesi dell’anno il dato è salito del 13,1% rispetto allo stesso periodo del 2020, con le esportazioni in rialzo del 6% e le importazioni in aumento del 7,3%. In maggio il deficit commerciale verso Cina e Unione europea è calato, ma rimasto consistente, in attivo invece il bilancio con Regno Unito, Hong Kong e centro e sud America.

6 luglio 2020 14:44

Nei sette giorni conclusi il primo luglio il numero di lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta per ricevere sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti è aumentato, rimanendo comunque in linea con i recenti progressi del mercato del lavoro. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 4.000 unità a 248.000, contro le 244.000 della settimana precedente (invarato rispetto alla prima stima).

L’indice è peggiore delle previsioni, visto che gli analisti attendevano un dato a 246.000 unità. Il valore si attesta in media sotto quota 300.000 da 122 settimane, la serie migliore dal 1970. La media delle quattro settimane, più attendibile in quanto non soggetta alle fluttuazioni del mercato, è salita di 250 unità a 243.000. Il numero complessivo dei lavoratori che ricevono sussidi di disoccupazione per più di una settimana – relativo alla settimana terminata il 24 giugno, l’ultima per la quale è disponibile il dato – è cresciuto di 11.000 unità a 1,956 milioni, segnando il quinto aumento consecutivo.

6 luglio 2020 14:43

Crescita al di sotto delle previsioni dell’occupazione nel settore privato americano in giugno. Il dato, che anticipa il rapporto sul lavoro che sarà pubblicato domani, evidenzia comunque i progressi del settore nel 2020. Secondo il rapporto mensile redatto da Macroeconomics Advisers e dall’agenzia che si occupa di preparare le buste paga Automatic Data Processing, il mese scorso sono stati creati 158.000 posti di lavoro, mentre le stime erano per un rialzo di 180.000.

Come si legge in una nota, le piccole aziende hanno aggiunto 17.000 posti di lavoro, quelle medie 91.000 e quelle grandi 50.000. Nel settore servizi i nuovi occupati sono stati 158.000, mentre nel comparto per la produzione di beni il dato è rimasto invariato. Per il dato sull’occupazione di domani, gli analisti attendono un tasso di disoccupazione fermo al 4,3% e la creazione di 174.000 posti di lavoro, dopo i 138.000 del mese precedente.

6 luglio 2020 14:20

Vendite record, oltre la soglia delle 100.000 unità, per Ford Motor in Cina in giugno, il migliore di sempre. Il colosso di Detroit ha visto salire le immatricolazioni nel Paese asiatico del 15% a 100.561 unità. Come si legge in una nota della società, nel secondo trimestre l’incremento è stato del 7% a oltre 282.000 unità, mentre nei primi sei mesi dell’anno le vendite sono scese del 7% a 537.522 unità.

La joint venture Changan Ford Automobile ha visto salire le vendite del 9% a oltre 70.000 vetture, mentre finora nel 2020 le immatricolazioni sono scese del 17%. Da segnalare che Jiangling Motor Corporation nel mese ha vendute oltre 24.000 veicoli, il 27% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e il giugno migliore di sempre, mentre nel semestre il rialzo è stato del 18%. “Abbiamo chiuso il secondo trimestre con vendite solide per i veicoli chiave, comprese le Ford Mondeo, Ford Edge e Lincoln Mkc”, ha detto Mark Ovenden, vicedirettore marketing, vendite e servizi di Ford Motor per la regione Asia Pacifico.

6 luglio 2020 13:38

Tesla non e’ riuscita ad ottenere la migliore valutazione per la sua berlina elettrica a cinque porte Model S in un test sulla sicurezza. Il laboratorio indipendente americano Iiss ha affermato infatti che le cinture di sicurezza della vettura non garantiscono in modo sufficiente la protezione del passeggero in caso di incidenti in quanto nel corso di una simulazione la testa del manichino ha battuto fortemente contro il volante.

Per Tesla tale notizia giunge in un momento del tutto inopportuno considerando che il 7 luglio la societa’ di Elon Musk avvia la produzione del Model 3, prezzo 35mila dollari, con cui intende conquistare il mercato di massa e di cui consegnera’ i primi 30 esemplari il 28 luglio.

6 luglio 2020 13:10

Dati macroeconomici

Richieste nuovi mutui per la settimana conclusa il 30 giugno alle 7 (le 13 in Italia). Precedente: -6,2%.

Indice Adp occupazione nel settore privato per giugno alle 8.15 (le 14.15 in Italia). Precedente: +253.000 unità. Consensus: +180.000 unità.

Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione per la settimana conclusa il primo luglio alle 8.30 (le 14.30 in Italia). Precedente: 244.000 unità. Consensus: 246.000 unità.

Deficit commerciale per maggio alle 8.30 (le 14.30 in Italia). Precedente: -47,62 miliardi di dollari. Consensus: -46,2 miliardi.

Indice Pmi servizi per giugno alle 9.45 (le 15.45 in Italia). Precedente: 53,6 punti.

Indice Ism servizi per giugno alle 10 (le 16 in Italia). Precedente: 56,9 punti. Consensus: 56,5 punti.

Scorte di energia per la settimana conclusa il 30 giugno alle 11 (le 17 in Italia). Petrolio: precedente +118.000 barili. Benzina: precedente -894.000 barili. Distillati: precedente -223.000 barili.

Appuntamenti societari

Non sono in calendario eventi di rilievo.

Altri appuntamenti

Il governatore della Federal Reserve Jerome Powell parla del settore immobiliare alle 10 (le 16 in Italia).

6 luglio 2020 13:08

L’Unione europea e il Giappone hanno raggiunto oggi un accordo di massima sugli elementi principali di un accordo di partnership economica. Si tratta del piu’ importante accordo commerciale bilaterale mai concluso dalla Ue che, tra l’altro, prevede per la prima volta un impegno specifico relativo all’accordo sul clima di Parigi. Per la Ue e i suoi Stati membri, l’accordo eliminera’ la maggior parte dei dazi pagati dalle imprese europee, pari a 1 miliardo di euro l’anno, aprira’ il mercato giapponese alle principali esportazioni agricole e aumentera’ le opportunita’ in vari settori.

Vengono stabiliti standard di alto livello in termini di lavoro, sicurezza e tutela dell’ambiente e dei consumatori, e vengono salvaguardati pienamente i servizi pubblici. ‘Abbiamo inviato al mondo un forte messaggio a favore di un commercio aperto ed equo, per quanto ci riguarda, il protezionismo non offre protezione, s olo lavorando insieme saremo in grado di definire ambiziose norme globali ed e’ questo il messaggio che Ue e Giappone portano domani al G20′, ha detto il presidente della Commissione Jean Claude Juncker. Domani si vedra’ la reazione di Donald Trump.

Borsa, Tokyo chiude in calo
sulla scia di Wall Street

La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi in ribasso dello 0,75%, chiudendo a quota sei la serie di sedute consecutive al rialzo. L’indice Nikkei scende a 9.668,96 punti, 72,71 in meno della chiusura di ieri, quando il listino giapponese si era spinto ai massimi dall’ottobre 2008.

Nippon Yusen e altre compagnie di trasporti via mare hanno perso quota a seguito del discorso del presidente della Fed, Bernanke, e dei dati macroeconomici negativi arrivati ieri dagli Stati Uniti che hanno causato l’arretramento degli indici anche in Europa e a Wall Street. Le previsioni di un recupero dell’economia hanno subito un raffreddamento incoraggiando gli investitori a preferire le vendite agli acquisti mettendo fieno in cascina. Le prese di profitto hanno colpito anche Toshiba (-2%).

In calo anche le altre Borse asiatiche. Hong Kong arretra del 2,4%, Shanghai piatta a +0,09%. Taiwan cala dell’1,55% e Seul del 2,6%. Dopo quattro sedute consecutive in rialzo l’indice di riferimento del continente asiatico, il Msci Asia Pacific Index , ha lasciato il 2 per cento. Materie prime e petroliferi i piщ venduti . Bhp ha perso il 4,6%, Rio Tinto il 6,4%, Cnooc il 4,4%, Woodside Petroleum il 3,2 per cento, anche se gli operatori ricordano che si tratta dei titoli che piщ avevano guadagnato negli ultimi mesi.

Il prezzo del petrolio и in leggero rialzo sopra 66 dollari, dopo il forte calo di ieri, legato all’aumento a sorpresa delle scorte Usa. Sui mercati asiatici i future sul Light crude avanzano di 10 cent a 66,22 dollari. Avvio in ribasso per l’ euro : alle 8 la moneta unica era scambiata a quota 1,4163 sul dollaro, in flessione rispetto alla rilevazione ufficiale della Bce fissata ieri a 1,4207.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: